venerdì 15 dicembre 2017

18 DICEMBRE 2017 ALLE ORE 11 - UNIVERSITA' DEL FRIULI - CONFERIMENTO DELLA LAUREA MAGISTRALE AD HONOREM IN ITALIANISTICA AL PROF. GIANFRANCO D'ARONCO.


Università di Udine

La S.V. è invitata 

alla cerimonia di conferimento della Laurea Magistrale ad Honorem  in  Italianistica.

 
al prof.
 Gianfranco D'Aronco

che si terrà lunedì 
18 dicembre 2017
alle ore 11.00
presso l'aula 3 di via Tomadini 30  a Udine.
...........

Compliments

al Prof. Gianfranco D'Aronco, President onorari del Comitât pe autonomie e pal rilanç dal Friûl!

I soi amîs del Comitât
 
 

lunedì 11 dicembre 2017

VENERDI' 15 DICEMBRE 2017, ORE 17.30, INCONTRO SUL TEMA: "NELLA EUROPA DI OGGI SI DIFFONDONO MOVIMENTI AUTONOMISTI INEDITI: PERCHE'? CON QUALI PROSPETTIVE? QUALI DESTINI PER L'AUTONOMIA FRIULANA?"

 
 


INVITO AL DIBATTITO
SUL TEMA:
 
NELLA EUROPA DI  OGGI SI DIFFONDONO MOVIMENTI AUTONOMISTI INEDITI: PERCHE'? CON QUALI PROSPETTIVE? QUALI DESTINI PER L'AUTONOMIA FRIULANA?

 

L'incontro si terrà:
 

VENERDI' 15 dicembre alle ore 17.30 presso la CGIL in  viale Bassi 36 a UDINE


PROGRAMMA:

Saluto introduttivo di:
Natalino GIACOMINI

Relazione di: 
Bruno TELLIA

Interventi di:
Roberto DOMINICI
Luciano FAVARO
Sergio CECOTTI.

Presiede: Carletto RIZZI

Seguirà brindisi d'augurio di Buon Natale e Felice Anno Nuovo



venerdì 8 dicembre 2017

LA TUTELE DE LENGHE FURLANE TAL SETÔR DE ISTRUZION - INTERVENT DE PROFESSORE SILVANA SCHIAVI FACHIN


 2e conference regjonâl di verifiche e di propueste su la atuazion de leç regjonâl 29/2007 (Normis pe tutele, valorizazion e promozion de lenghe furlane)
 
1 e 2 di Dicembar  2017 a Udin

..........................

La tutele de lenghe furlane
tal setôr de Istruzion
 
INTERVENT DE PROFESSORE
SILVANA SCHIAVI FACHIN

l'1 di Dicembar a Udin
 

"La formazion professionâl des/dai mestris di/in lenghe furlane native o seconde ( LN e L2)"
 
 
par cure di Silvana Schiavi Fachin

Dopo di vê let la lungje relazion sul teme di “ISTRUZION” o ripuarti dôs considerazions finâls stant che mi somee che a vebin bisugne di cualchi sclariment.

La prime e dîs:
  1. Nella secondaria di primo grado i docenti disponibili all’insegnamento della lingua
friulana sono pochi rispetto alle esigenze e non adeguatamente formati rispetto al CLIL;
Mi ven sù subit un dubi sot forme di domande: Pensie la Comission che dome pes mediis e coventi une professionalitât ben tressade e dome par introdusi la metodologjie CLIL ( Content and Language Integrated Learning)?
 
Par insegnâ il furlan, e in furlan, come par insegnâ dutis chês altris lenghis, al covente che lis insegnantis a vebin une solide formazion linguistiche e glotodidatiche.
La formazion linguistiche e à di sei di caratar teoric e pratic. Chê teoriche (Linguistiche Gjenerâl) ur furnis i principis fondamentâi che a regin il sisteme di une lenghe, eur sclarìs la diference che a esist tra une acuisizion spontanie, par imersion e un aprendiment che al compuarte riflessions e resonaments. La Linguistiche Aplicade che ur furnìs i nivei di competence di rivâ a otignî in conformitât de etât dal arlêf, de tipologjie de scuele e v.i. La Pragmatiche che e descrîf l’ûs sociâl de lenghe: ambits comunicatîfs e regjistris (privât~public; informâl~formâl; aministratîf; leterari; sientific; tecnic e v.i. La Linguistiche Contrastive che e met a confront dôs (furlan~talian; furlan~inglês) o plui lenghis (furlan~talian~albanês) metint in lûs lis someancis e lis diferencis ancje di caratar culturâl. Insegnaments di Psicolinguistiche e Neurolinguistiche a judin il docent a capî il nivel di svilup cognitîf dai students e duncje decidi se e cuant proponi une metodologjie come il CLIL (Content and Language Integrated Learning) che e domande che il student al paroni pulît lis nozions di timp, spazi, cuantitât e v.i. par podê frontâ cun profit dai contignuts di caratar cognitîf e imparâ a doprâ i lengaçs setoriâi o tecnicospecialistics che j coventin par capî, imparâ a doprâ e po rivâ a lei e a scrivi tescj di siencis, di gjeografie, storie, matematiche, fisiche e v.i. Une specialiste di chest cjamp di ricercje, Carmel Mary Coonan de Universitât Ca’Foscari di Vignesie e scrîf:

L’errore nel quale è facile incorrere è quello di usare la materia meramente a fini linguistici trasformando così l’esperienza in un insegnamento di microlingua. La materia diventa il veicolo per l’insegnamento delle L2/LS. Una vera situazione di una lingua veicolare non nativa invece è l’opposto: si inseguono gli obiettivi didattici della materia non-linguistica che sono primariamente concettuali, cognitivi e operativi ( conoscenze e competenze), non linguistici. Per questo motivo è preferibile che sia il docente della materia a svolgere il percorso anziché il docente di lingua.

O soi invecit in plene cunvigne cu la Comission Istruzion cuant che e pon l’obietîf di: 2. Richiedere una formazione di qualità ai docenti già in elenco anche con percorsi di formazione permanente.
No cjati però nissune osservazion critiche a proposit de scjarse atenzion che l’Universitât dal Friûl, soredut dopo che al è stât distudât l’insegnament di Didatiche des Lenghis Modernis pe formazion in servizi dai/des insegnants/is di inglês e di furlan che a lavorin belzà tes nestris scuelis e indulà che purtrop, stant la scjarse preparazion di tancj e di tantis di lôr al ven lesionât in maniere grâf il dirit dai arlêfs di imparâ. No si cjate nancje nissune critiche sul curriculum di studis dal Cors in Siencis de Formazion Primarie che al à il compit di formâ i gnûfs insegnants. Par chest an (a.a. 2017-18) al previôt dome Leterature furlane tal secont an intant che la Didatiche dal furlan e i cors di Plurilinguisim e Didatiche Plurilengâl e di Linguistiche Furlane, previodûts pal tierc an no son stâts ativâts ( viodi sul sît). A proposit de domande di fâ pratiche di lenghe orâl e scrite che e ven di un continui de bande dai insegnants plui cussients e che e à puartât a modificâ il program iniziâl dal cors di 300 oris che al è stât organizât de nestre Universitât dal 20 di Avrîl dal 2015 al 30 di Avrîl dal 2016 insiorant unevore la part di esercitazions pratichis, al va marcât che tal Cors di Siencis de Formazion Primarie, a son ativâts sì ogni an dai Laboratoris di Inglês ma no indi è nissun pal Furlan! Si trate di un cors a cicli unic cun prove di amission. 402 a son stadis lis domandis ai esams di amission; 43 a son stadis declaradis no idoniis (cence une preparazion adeguade) e di chês altris 152 a son stadis ametudis. Stant che la iscrizion al cors di furlan e je facoltative o ai vude la informazion che dome un 15 lu àn sielt!
O domandi: 1. Parcè nol vegnial segnalât al MIUR il numar di docents preparâts che a coventin di an in an? 2. Parcè si tardie tant la certificazion des competencis dai docents e des docentis de LISTE regjonâl par tacâ a programâ cun regolaritât cors di formazion in servizi? 3. Parcè no si domandie al MIUR di bandî i concors publics ancje par insegnâ il furlan?


Silvana Schiavi Fachin


...........

 Prof.ssa Silvana Schiavi Fachin, è stata docente di "Didattica delle Lingue" presso l’Università degli Studi di Udine. Tra il 1987 e il 1992 è stata eletta deputata al Parlamento italiano e durante questi anni, presentò, assieme ad alcuni colleghi, la proposta di legge "Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche".

La redazione del Blog ringrazia la prof.ssa Silvana Schiavi Fachin per averle  concesso la pubblicazione del suo intervento avvenuto l'1 dicembre 2017, durante la prima giornata  della 2a Conferenza regionale di verifica e proposta della l.r. 29/2007.
 

martedì 5 dicembre 2017

SECONDA CONFERENZA REGIONALE SULLA ATTUAZIONE DELLA L.R. 29/2007 (TUTELA LINGUA FRIULANA) - INTERVENTO DI DIEGO NAVARRIA, PRESIDENTE DELLA ASSEMBLEA DELLA COMUNITA' LINGUISTICA FRIULANA



Udin - 1 e 2 di Dicembar 2017
 

"Conference regjonâl su la aplicazion de leç regjonâl 29/2007 e previsions futuris" 

 

INTERVENT  DI  DIEGO NAVARRIA - President de Assemblee de Comunitât Linguistiche Furlane, inte seconde zornade, intal Salon dal Parlament de "Patrie dal Friûl", a Udin sabide il 2 di Dicembar dal 2017.

La Redazion del Blog intal complimentâsi cun Diego Navarria pal so bielonon intervent (un dai miôr scoltâts il 2 di Dicembar!), lu ringrazie par vêi permetût la publicazion dal test del so intervent.
 
Brâf Diego!
Denuncie fuarte, juste e di fâ cognossi
ator in Patrie e fûr de Patrie!
 
................. 


 
Udin, ai 2 di Dicembar dal 2017

Bundì a ducj.

O crôt che se o sês achì al è parcè che par voaltris la lenghe furlane e je un valôr. Une robe che e vâl, che e je impuartante, che si à formade vie pai secui, che e à prodot une leterature, poesie, che e je stade tramandade par gjenerazions, dai nestri vons, dai nestris gjenitôrs. E la lenghe furlane e je pardabon inlidrisade te tiere dal Friûl, tal so paisaç, te so art, te sô musiche, tal mangjâ e tal bevi. Une lenghe al è un mût di viodi il mont. No che i furlans a sedin miôr o piês di chei altris popui. Dome son diferents, e la marcadure plui fuarte de diference e je propite la lenghe.

Alore, cuant che si à in cjase une robe di valôr dal sigûr no si la bute tal cjast. Anzit, si la met te vetrine, tal puest miôr de cjase, par protezile e mostrâle a ducj. Pe lenghe furlane, par tancj di lôr, al capite compagn. Si dâ valôr ae lenghe furlane, si le ten in cont, ma dome in cierts ambits. No dapardut e in ogni ocasion. Chest al vûl dî dâ ae lenghe un valôr limitât a ce che e rapresente, e no a ce che e covente. Come tignî cont une vecje panarie tal tinel che e je biele di viodi ma no covente a nuie, o come vê un biel cjavedâl parsore di un fogolâr simpri studât.

Chel che al mancje ae plui part dai furlans e je la cussience di vê no dome un valôr ma ancje un dirit. Il dirit di doprâ la lenghe in ogni ocasion de vite: te scuele, tal lavôr, tai uficis publics, in glesie, in buteghe, tai gjornâi, te television, da par dut.

Dirit ricognossût de Costituzion de Republiche Taliane, des leç dal Stât e de Regjon e tes normativis europeanis. Il dirit al è clâr e sigûr ma nol ven, fale di cualchidun, ni doprât ni pretindût. No ven doprade cundut che o sin sigûrs che no doprantle, la lenghe no reste simpri compagne come chê panarie o chel cjavedâl, ma si le piert, e par simpri.

Parcè mancje cheste cussience dal dirit che invezit altris popui e àn fuarte? La analisi le a àn za fate i studiôs: si clame procès di minorizazion. Par mil agns la lenghe furlane e à resistût a dut. Ancje dopo la fin dal patriarcjât, ancje cu la division dal Friûl tra Vignesie e l’Imperi, e à mantignût la sô unitarietât e la sô vivarositât. I problemis a son rivâts cu la ocupazion taliane dal 1866, e dal 1918 pal Friûl orientâl. Il Stât talian, une vore nazionalist, al à subit metût in vore il sproc di Alessandro Manzoni “Una d’arme, di lingua, d’altare” e duncje al à cirût di scancelâ o parâ fûr chei che, sbaliant, al clamave alloctoni (come i todescs o i slâfs) o di sotanâ chei come i furlans, gjavant ae lôr lenghe la dignitât di lenghe. Improibît fevelâ par furlan a scuele, tai uficis, in ducj i ûs publics; planc a planc butât fûr des glesiis; fin a rivâ al pont di vergognâsi a fevelâlu. E dopo: scancelâ de scuele la storie dal Friûl, jemplâ la int di iredentisim, di Sacri Confini della Patria, ancje se chei confins e jerin te tiere di altris popui

Al è clâr che cun 150 agns di chest lavôr metodic e studiât no si pues pretinti che la int e vedi cussience dai siei dirits linguistics. Fûr di cualchi cjâf iluminât, che par fortune o vin vût, la plui part dai furlans al è analfabet te sô lenghe, no cognòs la sô storie e duncje si compuarte di bon e fedêl talian e dispès al è il prin nemì de lenghe furlane.

Podìno fâi une colpe? No. Parcè che la sô cundizion e je come chê des feminis di cent agns fa che nancje si insumiavin di fâ valê il dirit di paritât cui oms. Fale di cualchidune plui iluminade, la plui part e jere cunvinte di jessi inferiôr al om. Lu diseve ancje la leç!

O ai fat chest paragon parcè che cuant che une situazion, come apont la cundizion des feminis o la minorizazion dal furlan, e je ingangrenide di masse timp, no son vonde lis leç di tutele e di promozion, no son vonde i progjets e i plans di politiche linguistiche. A son dal sigûr il prin passaç e a son indispensabii, ma non son vonde.

Lis relazions che o vin a pene scoltât a son plenis di riferiments di leç positivis, di progjets une vore biei, ma tal stes timp a palesin une situazion une vore grivie pe lenghe furlane. Cheste peraule “grivie” e stade ripetude une vore tes relazions. No covente che o torni a marcâ lis mancjancis che a‘nd è masse, i ritarts cence fin, il disinterès, ancje la ostilitât, pal valôr plui unic che vin in Friûl. E mi complimenti cui grups di lavôr e cui coordenadôrs pe cualitât une vore alte des relazions. In chest lavôr preseât che nus reste ae fin de Conference o vin la analisi dai ultins cinc agns e lis propuestis pal cuincueni a vignî. Saraial vonde vê chest par salvâ la lenghe furlane? No. No nol bastarà!

Ma se no podìn dai la colpe ai furlans di no vê cussience dai lôr dirits, pe lôr sotanance, come che no podìn dai la colpe aes feminis di cent agns fa pe lôr sudizion, di cui saraie la responsabilitât?

La responsabilitât e je dute de politiche. Ma no de politiche linguistiche. O vin viodût che, ancje se o vin un plan di politiche linguistiche fat bon de Regjon za di doi agns e mieç, ma no je la volontât politiche di metilu in vore, al è dut dibant.

La lenghe furlane e à ducj i struments linguistics, di cjarte e digjitâi, che pocjis altris lenghis di minorance a àn. O vin une vore di personis di alte competence tal cjamp tecnic e sientific, come ta chel de didatiche e de comunicazion. E ju vin viodûts ancje te cheste Conference. Si podarès dîsi che no nus mancje nuie. Ma se il bon esempli, il spieli, il model, nol ven dai sorestants, massime di cui che al guvierne la Regjon, al è dut dibant.

Coleghis sindics furlans, che o fevelais simpri par furlan cui citadins, te ostarie e ancje te Zonte, parcè no lu fevelaiso tal Consei Comunâl e, almancul cualchi volte, tai discors publics? Conseîrs Regjonâi, che par trê cuarts o sês furlans e che te buvette dai passi perduti o fevelais par furlan tra di voaltris, o vês un sisteme di traduzion simultani, parcè isal nome un che lu dopre di regule? President Franco Iacop, che con me tu fevelis simpri par furlan, tropis voltis âstu presiedût il Consei Regjonâl par furlan?

Cun modei cussì a valin pôc ancje i bêçs in plui che l’Assessôr Gianni Torrenti al disarâ di vê assegnât ae ARLeF chest an. Cun modei cussì al è un miracul che la maiorance dai gjenitôrs e domandedi ae scuele di insegnâ il furlan a so fi.

Cualchidun al podarès dîsi: ma ancje i politics, come che o vin viodût pe int comune, no àn colpe se no àn cussience dai dirits linguistics. NO! No puedin jessi scusâts! Cui che si cjape une incarghe publiche no pues dîsi di no cognossi i dirits dai citadins e nancje al pues metisi a cincuantâ. Se nol sa, al à l’oblic morâl di studiâ e il dovê di cussience di dâsi di fâ!

La Assemblee de Comunitât Linguistiche Furlane e fasarà la sô part: e à za previodût par l’an cu ven une schirie di cors di formazion pai sindics e aministradôrs locâi, in colaborazion cul Cirf, di inmaneâ a zonis vie pal Friûl.

La cundizion de lenghe furlane e je grivie. E pues ancjemò jessi recuperade, ma no se si continue a agjî come tai ultins 10 agns. Dîs agns de aprovazion de leç regjonâl 29/2007 ogjet di cheste conference scuasit butâts vie. I prin cinc a cirî di no meti in vore la leç o almancul intardâ la sô aplicazion, cuntun president che al à dit par radio che tutelare il friulano è una cazzata.

I ultins cinc agns cuntune presidente che in dutis lis ocasions e à marcât che la autonomie si cubie cu la virtuositât, che la nestre Regjon la merete parcè a varessin une buine aministrazion. E lis trê lenghis di minorance che a caraterizin la Regjon? Dutis trê incjantonadis in nancje metât di un dai 90 Servizis Regjionâi. E di fat, sabide stade, mi à meraveât scoltâ, ae Conference de lenghe slovene, la Presidente Serracchiani sierâ il sô salut disint che: nella nostra Regione ci sono tante culture e che FORSE è anche per questo che siamo speciali. Jo o dîs: forse anche?...

Cence dubis, almancul par me, la responsabilitât e je de politiche.

O speri che al sedi clâr che chestis racladis che mi tocje dâ no àn nuie di personâl. Il pericul al è stât marcât cun precision tes relazions di cheste Conference di verifiche e jo, in rapresentance de Comunitât Linguistiche Furlane, no pues tasê, se al covente par salvâ la lenghe furlane e l’identitât e la autonomie dal popul che le fevele.

Diego Navarria

President de Assemblee
de Comunitât Linguistiche Furlane
 
 
 

domenica 3 dicembre 2017

IL "TEATRI STABIL PE LENGHE FURLANE" RECLAMÂT DA BEPI AGOSTINIS AE SECONDE CONFERENCE REGJONÂL SU LA MINORANCE LINGUISTICHE FURLANE


 
SECONDE CONFERENCE REGJONÂL

SU LA TUTELE DE MINORANCE

LINGUISTICHE FURLANE

 
"Conference regjonâl su la aplicazion
de leç regjonâl 29/2007  e previsions futuris" 

Vinârs il 1 di Dicembar 2017

(prime zornade) 



INTERVENT

di BEPI AGOSTINIS



IL TEATRI STABIL FURLAN:

CUANT SARAIAL UNE REALTÂT?

 
Un salût a ducj i components di chest incuintri e in particolâr a ducj chei che a son impegnâts e che si impegnaran tai 4 grups di lavôr.

O pensi che cheste ocasion par me e sedi, forsit, la plui impuartante e o speri ancje la plui costrutive; daspò tancj intervents che o ai fat par cheste mê lungje bataie, parcè che il Friûl al vedi un so Teatri Stabil in maniere esclusive pe lenghe furlane.

A son 30 agns, o dîs 30 agns, che o scombat.

In curt cualchi date impuartante. Prime o ai tentât cun diviers politics dal moment che o cjatavi a Udin, ma simpri cun promessis e mai mantignudis. Tal 2003 un gno prin impuartant intervent fat tal salon dal cjistiel a une cunvigne organizade a Udin dal sindic Sergio Cecot, cu la presince dal president Illy, dulà che i ai spiegât il parcè di un Teatri Stabil furlan. Cence nissun esit.

Tal 2006 o ai consegnât al President dal Consei Regjonâl Tesini cuasi 4500 firmis parcè che il Friûl al vedi il so Teatri Stabil.
 
Firmis cjapadis sù, cuant che mi presentavi a lis manifestazions che si fasevin a pro dal Friûl, in particolâr tal Congrès e te fieste de Fraie de Primevere inmaneadis de Filologjiche che mi è stade simpri dongje in cheste mê batie, prime cul President Pelizzo e daspò cul president Vicario.

No jeri bessôl, mi jerin vignûts in jutori, par cheste mê batie, lis trê Provinciis, che an firmât la petizion pal Teatri Stabil furlan, cul jutori dal president Marzio Strassolt, che al veve capît la impuartance di cheste mê richieste; daspò al à firmât il retôr de Universitât di Udin che, in chei agns al jere retôr Honsell, dopo la retore Compagno, naturalmentri la Societât Filologjiche, e di cuant che je nassude ancje l'Arlef. Lis petizion dai sorestants, consegnadis adun a lis firmis al president Tesini

Tai incuintris che o ai fat, mi soi simpri presentât cu la mê lenghe, cussì ancje al incuintri cu la VI Comission de culture regjonâl a Triest, consegnant a man la traduzion par talian, ma ae fin mi àn dite che o vevi fevelât cussì clâr che a vevin capît dut cence vê bisugne de traduzion. Ma in che volte, a part l'interessament di Violino e di Franz che a jerin conseîrs te maiorance, ma i lôr aleâts di drete no sintivin di chê bande, e chest mi è sucedût ancje cu lis Zontis di çampe.

Cui agns o ai continuât, cui diviers assessôr regjonâi ae culture che o cjatavi, fin al ultin l'assessôr Torrenti che mi veve proponût, une sede stacade dal Teatri Stabil dal Friûl V. J., par une compagnie Stabil pe lenghe furlane, cun sede al Teatri Zuan di Udin dulà che jo o vevi za fevelât sedi cul President Vidali che cul Diretôr artistic Bevilacqua che a vevin acetât la mê propueste di logâ il Teatri Stabil furlan tal lôr Teatri.

La propueste dal assessôr mi podeve lâ ben, al pat che cheste gnove entitât e fos indipendente di Triest, sedi come, direzion, organizazion, progjets e soredut i finanziaments. Chest il progjet proponût daspò cirche 4 agns dal prin incuintri cul assessôr, daspò cidin.

Par vie traviersis o ai savût che ae fin, forsit, il Stabil di Triest, al varès dât un contribût par un spetacul. Jo o ai dit , a colp di no !, che la caritât no le aceti, la mê dignitât di furlan, o pensi a non di ducj i furlans, no podevi acetà une cundizion di sotanance.

Cumò voi indenant su la mê strade ancjemò plui cjariât, e ancjemò plui convint che chel che o domandi al è un nestri dirit.

Cumò, o spieti la prossime zonte regjonâl.

Tai ultins agns un jutori impuartant lu ai vût dal president de Provincie di Udin Pieri Fontanin, che cun Lui, almancul, par doi agns o ai vût la sodisfazion di presentâ, cu la compagnie de “Farie Teatrâl furlane” cun atôrs professioniscj dal teatri, doi spetacui te nestre lenghe al Teatri Zuan di Udin, cul plenon, cun grant sucès di public.

Chest gno Teatri Stabil, al varà di jessi il puartevôs sul plan regjonâl, nazionâl e internazionâl de culture e de civiltât furlane, sedi cul lavôr sul palc di sene, sedi cun altris ativitâts culturâls: leturis, incuintris, dibatiments, conferencis simpri di caratar culturâl, un rapuart teatri scuele, un Teatri pal mont dal lavôr, ma fat cu la serietât dal professionisim.

Ven a stâi un Teatri pe pupilance e la valorizazion de lenghe.
 
Cheste gnove realtât, no sarà mai une aziende comerciâl dome par produsi spetacui pal incàs, ma e à di vê une funzion sociâl e culturâl, refudant un teatri di aparence, ma al varà di jessi un teatri di pinsîr, e dome cussì al podarà jessi pardabon un teatri nassût pe valorizazion de nestre lenghe, espuartant il nestri teatri no dome in Italie ma ancje tal forest.

Cuant che o disevi chestis robis, cualchidun mi riduçave, ma crodêtmi, par une mê esperience personâl in Bielorussie a Minsk, cualchi an in daûr, o vevi presentât un spetacul par talian cu la mê regjie, realizât su domande de Universitât di Udin, il public al jere une vore atent, sedi tes part seriis, sedi cuant che al jere di ridi, e a ridevin, chest al voleve dî che a capivin; e chest al varès podût sucedi ancje se il lavôr al fos presentât par furlan, e jere la recitazion che a faseve capî il dut.

Cun chest Teatri Stabil nol vûl dî sierâsi tal nestri mont, ma vierzisi al Teatri nazionâl e internazionâl, al varà di jessi un Teatri di rinovament, e cussì ancje pai nestris dramaturcs che si sintaran, plui impegnâts tai lôr lavôrs, che a no saran scrits dome pes nestris pûr bravis filodramatichis, ma se valits, a podaran saltâ fûr ancje dai nestris confins, e o pensi, cuntune plui grande sodisfazion par lôr.

Chei che a jerin cuintri, ancje furlans, a disevin che in Friûl o vin za il Teatri Stabil dal Friûl Vignesie Julie, che al bastave, e po, ma cuâl teatri furlan? mi domandavin. O ai simpri ribatût ancje a mieç de stampe locâl, che mi jere avonde dongje, confermant che nô no sin cuintri dal Stabil di Triest, juste che al sedi ; come ancje il Stabil Sloven, come Teatri di citât di frontiere, just.

Ma a Triest no vevin avonde di Teatris Stabii, cussì a àn volût e otignût un Teatri Stabil pal dialet triestin “la Contrada”, par difindi la lôr identitât. Juste!!!

Ma no saressial just che ancje il popul furlan al vedi un so teatri?

Cussì, ancje nô o varessin i contribûts nazionâi, par fâ lis robis cun serietât professionâl, come ducj i Teatris Stabii talians.

E nô, invezit, parcè vino di jessi simpri sotans. Come popolazion mi somee che sedi plui numerose di chê triestine, e soredut, une robe che lôr no àn , o vin une lenghe minoritarie ricognossude dal Stât. Ma parcè a Triest a otegnin dut chel che al rivuarde i lôr interès, e nô furlans o restìn tal complet cidinôr. Ma te Zonte Regjonâl, i furlans sono in minorance come numar di elets? No mi pâr! (podìno clamâju rapresentants dal popul furlan ?), no crôt.

Duncje, cumò o spieti la prossime zonte regjonâl, no mi interesse il colôr politic, tant o ai za viodût che sedi di drete che di çampe, no àn mai sintût il probleme. Jo o speri che i gnûfs elets a vedin plui a cûr i problemis pal popul che ju à elets, e come che o vevi za dite, chest Teatri Stabil al nas ancje par une valorizazion e par dâi plui dignitât ae nestre leghe.

Prime di finî us disarai une curte poesie di Garcia Lorca, par fâus capî la impuartance de lenghe par un popul, parcè o vês di capî, par chei che no lu san, che nô o sin un popul parcè che o vin la nestre lenghe e se la pierdìn no sarìn plui un popul.

LA LENGHE Garcia Lorca

Graciis de vuestre atenzion e pazience, e che i components di chescj grups di lavôr a cjapin a cûr cheste me richieste, ma soredut i politics che o larìn a elei. Un mandi di cûr a ducj voaltris.
        

Bepi Agostinis



Udin, 1° di Dicembar dal 2017”
 
...........
 
Un gracie a Bepi Agostinis pe sô costance in cheste lungje bataie ancjemò no vinçude e par vênus mandât il test del so intervent che o publichin cun grant plasê.
 
 
La Redazion dal blog


giovedì 30 novembre 2017

QUANDO UN CORSO DI LINGUA FRIULANA PER TUTTI I CONSIGLIERI REGIONALI?


QUANDO UN CORSO

DI LINGUA FRIULANA

PER TUTTI I CONSIGLIERI REGIONALI?


..........

Non prendiamo neppure in considerazione le recentissime provocatorie dichiarazioni iper-scioviniste del solito consigliere regionale triestino Bruno Marini, noto esponente del nazionalismo italiano di Trieste e molto vicino alle associazioni triestine degli esuli istriani, esuli (di 70 anni fa!!) a cui ha garantito un abbonamento annuale su tutti i Bus della provincia di Trieste a euro 5 (con un regalo di oltre 300 euro a persona pagato da tutti i cittadini di questa regione!!) e a cui, con grandissima probabilità, deve la sua elezione a Consigliere regionale, oltre che essere un noto buongustaio di palline di gelato addebitate poi – così risulta - ai cittadini di questa regione (legittima spesa di rappresentanza, naturalmente!!).

E non prendiamo neppure in considerazione la pubblicazione, di pochi giorni fa, di un articolo pesantemente provocatororio e anti-friulano sul "solito" quotidiano IL PICCOLO di Trieste.

Articolo in cui si dà ampio spazio alle argomentazioni di Bruno Marini contro la tutela della lingua friulana e la "Seconda conferenza regionale di verifica e proposte su la situazione della legge regionale 29/2007", verifica prevista dalla stessa legge regionale 29/2007 e che avrà luogo l'1 e il 2 di dicembre a Udine.
 
Si vede che la redazione del quotidiano "Il Piccolo" non aveva nulla di più importante da pubblicare o forse sa che tra i suoi affezionati lettori triestini i friulanofobici sono la maggioranza.

E meno male che, come dichiarato da Bolzonello «Trieste deve rafforzare sempre più le relazioni col resto della regione, con la Mitteleuropa e con i Balcani. Parliamo di una capitale d' area, con una dimensione sovraregionale, che non può pensare in piccolo. La Regione sarà a fianco del suo capoluogo, punto di riferimento e valore aggiunto per tutto il territorio».

Ognuno è ovviamente libero di assecondare i desiderata e i sogni di Trieste soprattutto in periodo pre-elettorale, ma forse il Vice Presidente regionale Bolzonello farebbe bene a cercare di conoscere un pò meglio "la vera realtà municipale e provincialissima di Trieste di cui Bruno Marini è un tipico rappresentante."

http://www.movimentofriuli.it/it/ragionamenti-pelosi-a-trieste/

Poniamo infine una domanda:

posto che oltre il 50% della popolazione regionale è minoranza linguistica friulana, non dovrebbe essere obbligatorio per  “TUTTI” i Consiglieri regionali conoscere (scritta e parlata) la lingua friulana? O forse il consigliere Bruno Marini, si sentirebbe declassato nel frequentare un tal corso che gli permetterebbe di non aver più bisogno in aula consiliare di un traduttore?  

Garantiamo che la lingua friulana non è infettiva e neppure morde oltre che essere parlata dalla metà dei cittadini della regione Friuli – VG e compresa dal 90% della popolazione regionale. Ricordiamo inoltre che è una lingua riconosciuta e tutelata sia dalla Repubblica italiana che da trattati internazionali europei ratificati anche dall'Italia....

Ma forse Bruno Marini non lo sa o forse "finge" di non sapere che "parlare friulano è parlare europeo perché il Friuli è Europa!" 



LA REDAZIONE DEL BLOG

lunedì 27 novembre 2017

I FRIULANOFONI SONO MINORANZA LINGUISTICA DI SERIE A!


 
In attesa della
 Seconda conferenza regionale
sulla minoranza linguistica friulana
che si svolgerà l'1 e il 2 dicembre 2017
alcune considerazioni:
 
 
per la politica regionale i Friulanofoni  - nei fatti, perché a parole e chiacchiere gran parte dei politici regionali sono bravissimi nel nascondere la loro vera opinione -  non sono una "minoranza linguistica" riconosciuta e tutelata dalla Repubblica Italiana ai sensi dell'art. 6 della Costituzione italiana e successiva legge 482/99, al pari della minoranza linguistica slovena che vive in regione,  ma esiste solo una  lingua friulana da "promuovere" possibilmente spendendo il meno possibile e non dando attuazione neppure a tutele a costo zero!
 
Gli slovenofoni  sono invece considerati dalla politica regionale - giustamente UNA MINORANZA:  minoranza, è giusto porlo in evidenza, per altro  sfruttata - com'è successo recentemente - per creare in regione collegi elettorali aventi finalità che nulla hanno a che spartire con la tutela della minoranza stessa,  o per concludere trattative economiche con la Slovenia di nessun rilievo sul piano della tutela linguistica.

Pura ignoranza giuridica e  costituzionale, pregiudizi mai superati nei confronti dei friulanofoni o malafede della classe politica regionale? Sicuramente miopia politica...
 
L'autonomia speciale della nostra regione oggi si giustifica solo con la presenza massiccia in regione di minoranze linguistiche, friulanofoni in primis. Tutelare seriamente la minoranza linguistica friulana (la seconda in termini numerici presente in Italia) significa dunque difendere la nostra autonomia speciale: quando la classe politica regionale lo capirà? 
..................

DOCUMENTI
 
Dal sito istituzionale del Consiglio regionale:

http://www.consiglio.regione.fvg.it/pagine/comunicazione/comunicatistampa.asp?comunicatoStampaId=577164

2º Conferenza tutela lingua friulana: venerdì e sabato a Udine 

26/11/2017, 13:39        

"(ACON) Trieste, 26 nov - AB - La seconda Conferenza regionale sulla tutela, la valorizzazione e la promozione della lingua friulana terrà i suoi lavori a Udine venerdì e sabato prossimi, 1 e 2 dicembre: il primo giorno all'Auditorium del palazzo della Regione, in via Sabbadini 31, dalle 9.00 alle 16.30; il secondo giorno nel Salone del Parlamento del Castello, nella sola mattinata, con inizio alle 10.00.

Il programma di venerdì sarà dedicato al dibattito e all'approfondimento delle relazioni dei quattro gruppi di lavoro - pubblica amministrazione, politica linguistica, istruzione, media - mentre sabato, in quella che può essere definita la sessione plenaria, le relazioni verranno presentate nella loro veste definitiva, cui seguiranno le votazioni su eventuali documenti e le conclusioni.

La Conferenza si pone come un importante momento di verifica per le politiche linguistiche, ma anche come luogo di proposta sull'attuazione della legge regionale di tutela, valorizzazione e promozione della lingua friulana, la 29 del 2007, che impone la sua convocazione almeno una volta ogni cinque anni, e comunque non oltre sei mesi prima della scadenza della legislatura.

Nei primi mesi del 2017 è stata costituita una Cabina di regia presieduta, su mandato dell'Ufficio di presidenza del Consiglio regionale, dal consigliere Claudio Violino, che si è riunita con cadenza mensile e ha seguito le fasi di ideazione e di coordinamento necessarie alla realizzazione della Conferenza.

A sua volta, la Cabina di regia ha costituito - con il supporto dell'ARLeF - i quattro gruppi di lavoro, con il compito di redigere una relazione sulla tematica di competenza da presentare alla Conferenza plenaria."
 

MA LA TERMINOLOGIA PERO' CAMBIA RADICALMENTE SE CI SI RIFERISCE AGLI SLOVENOFONI....


Conferenza tutela minoranza slovena: conclusioni Gabrovec (4) 

http://www.consiglio.regione.fvg.it/pagine/comunicazione/comunicatistampa.asp?comunicatoStampaId=577144

25/11/2017, 14:51 
       
"(ACON) Trieste, 25 nov - AB - A concludere questi due giorni di dibattito e di approfondimenti, il vicepresidente del Consiglio regionale del FVG Igor Gabrovec, che ha dato atto alla Conferenza di aver messo tutti di fronte a uno specchio - creato dallo Slori con le quattro relazioni - dove ciascuno ha potuto vedere cose positive e criticità per traguardare alle future sfide.

Qualcuno ha lamentato una non eccessiva partecipazione - ha aggiunto Gabrovec - ma il dato numerico non deve far passare in secondo piano quello più importante, ossia che la Conferenza si è sviluppata con una platea importante, attenta, di qualità, e gli interventi che si sono succeduti ne sono la prova.

Abbiamo sentito, discusso, approfondito, individuato - ha concluso Gabrovec - ora dobbiamo assumerci le conseguenti responsabilità e avere il coraggio di apportare le modifiche che sono emerse e che potranno portare la tutela della minoranza slovena a un livello sempre maggiore di efficacia."



..................

COMMENTO
DELLA REDAZIONE DEL BLOG


Prendiamo atto che "finalmente" si è evitato di definire gli slovenofoni "minoranza nazionale" anche se giornalisti e politici regionali pare facciano ancora una grandissima fatica ad usare il termine giuridico corretto di "minoranza linguistica" riferendosi agli slovenofoni.

Nel  2007 la L.r. 29/2007 (tutela minoranza linguistica friulana)  fu oggetto  di un pesantissimo attacco  politico che  determinò  i  pesanti limiti di questa legge regionale, ancor oggi - a distanza di 10 anni - in gran parte non applicata  e  pesantissime  affermazioni scioviniste - al limite del razzismo linguistico -  si ascoltarono in Consiglio regionale durante il dibattito consiliare, ma oggi non è arrivato il momento di fare un salto culturale?

 
"ART. 6 DELLA COSTITUZIONE ITALIANA:
La Repubblica tutela con apposite norme le minoranze linguistiche."


Con la legge 482/99 lo Stato italiano ha dato attuazione all'art. 6 della costituzione italiana riconoscendo 12 minoranze linguistiche, due di queste sono i friulanofoni e gli slovenofoni, e superando la precedente situazione di tutela extra-costituzionale.
 
Non c'è NESSUNA differenza sul piano giuridico e sostanziale tra le due minoranze linguistiche sopra citate.
 
La differenza c'è ancora solo nella testa di gran parte della classe politica regionale (destra, centro o sinistra non fa alcuna differenza...) che ragionando in termini calcistici colloca i friulanofoni  nella categoria "Promozione", nel mentre colloca  gli slovenofoni in serie B (quella di serie A è riservata ai tedeschi della provincia di Bolzano...).
 
Una riprova l'abbiamo avuta di recente con il rifiuto del Consiglio regionale di imporre per iscritto alla società regionale FVG Strade l'obbligo della cartellonistica bilingue (italiano-friulano) sulle strade regionali  di sua competenza che attraversano i territori dove vive la minoranza linguistica friulana.

La richiesta di inserire quest'obbligo nello Statuto di questa società regionale, era motivata dal gravissimo fatto che la società FVG Strade sistematicamente risulta sostituire la cartellonistica già bilingue italiano-friulano  posta dalle ex-Province con la cartellonistica  monolingue italiana.


..................

DOCUMENTI

tratto da:

http://www.arlef.it/media/fck/CONFERENCE%20REGJONA_L_Relazion_Planificazion%20Ling._par%20furlan-192d1.pdf

"L’azione regionale di pianificazione linguistica a favore della lingua friulana a dieci anni dall’approvazione della legge regionale 29/2007: risultati, difficoltà e mancanze.
 
Relazione del Gruppo di lavoro ‘Pianificazione linguistica’
 

Coordinatore: Donato Toffoli

 
"(...) È importante sottolineare il fatto che le politiche linguistiche possono essere fatte anche a costo zero, ad esempio con l’utilizzo della lingua friulana nelle occasioni pubbliche e ufficiali da parte degli amministratori locali: per questo aspetto, gli esempi positivi restano ancora troppo pochi. La situazione degli enti partecipati dal Pubblico (in particolare dalla Regione) è molto critica laddove, anche in presenza di indicazioni specifiche del PGPL, non si garantiscono i diritti linguistici dei cittadini. Questo vale principalmente per le società che gestiscono  infrastrutture e servizi di pubblica utilità, come quelle dei trasporti o della viabilità. Ciò ha portato addirittura a fare passi indietro come nel caso dei cantieri passati dalla Provincia di Udine a FVG Strade laddove, se prima la nuova segnaletica stradale veniva apposta automaticamente in forma bilingue, successivamente è stata scelta la sola forma italiana. È dunque evidente che la Regione e le Pubbliche Amministrazioni, che hanno in mano la maggior parte delle azioni di questi soggetti, devono dare regole chiare perché tutto ciò che si fa venga proposto in forma bi- o plurilingue (...)"

 
 LA REDAZIONE DEL BLOG
 
 

domenica 26 novembre 2017

LENGHE FURLANE: SUNS EUROPE DAL 30 DI NOVEMBAR AL 2 DI DICEMBAR A UDIN

 
LENGHE FURLANE
 
UN APUNTAMENT
DI NO PIERDI!!


SUNS EUROPE
FESTIVAL DES LENGHIS
MINORIZADIS
 

Dal 30 novembre 2017 al 2 dicembre 2017
a Udine
Teatro Nuovo Giovanni da Udine 


Dal sito istituzionale de l'ARLeF

http://www.arlef.it/progjets/suns-europe-festival-des-arts-in-lenghe-minoritarie/suns-europe-2017

(...)


Cemût vignî a viodi la serade finâl
   
Pal concierton finâl, i biliets a son disponibii dai 21 di Novembar al public alì di Radio Onde Furlane, a La Girada e alì dal Angolo della Musica intai oraris di viertidure. Dai 24 di Novembar si ju cjate ancje alì de bilietarie dal Teatri Gnûf Giovanni da Udine. No si pues ritirâ plui di 4 biliets parom.

I nons dai partecipants pal Cine e pe Leterature

 Suns Europe però nol è dome musiche, ma ancje cine e leterature. Intal foyer dal Teatron si viodarà il curt ‘The Hunter’ (Maori) di Richard Turner, un altri curtmetraç al è chel dal regjist Egil Pedersen (Sápmi) che al à non ‘Ealli Guodda Joavkkus’, intant che la Sardegne e je rapresentade dal lavôr di Andrea Zuliani,Per Anna’. Al sarà proietât ancje ‘Int Art’ (Friûl) di Dorino Minigutti e Giorgio Cantoni, e Neka (Innu) curtmetraç di Nemnemiss McKenzie. Si clame invezit Separado (Gales) il luncmetraç di Gruff Rhys. Protagonist di une serade speciâl (il prin di Dicembar, a nûf di sere, cun jentrade libare fin che a son puescj) te sale principâl dal Teatri al sarà invezit Missus, l’ultin lavôr di Massimo Garlatti Costa (in prime regjonâl) che al conte la lote dai predis di Glesie Furlane par tignî vive la flame dal furlan. Pe leterature al è in program l’incuintri cui vincidôrs dal Premi S. Simon 2017. A son po previodûts aprofondiments tant che chel dedicât ae iniziative europeane pai dirits linguistics ‘Minority Safepack’ e Scuele Europe, là che musiciscj e artiscj di dute Europe a incuintrin i students furlans.

Di cui che al è inmaneât il Festival

 Suns Europe al è un progjet inmaneât des cooperativis Informazione Friulana (editore di Radio Onde Furlane) e Puntozero cu la poie de ARLeF (Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane), de Regjon Friûl – Vignesie Julie e de Fondazion Friuli, cu la colaborazion dal Comun di Udin, de Fondazion Teatro Nuovo Giovanni da Udine, dal Babel Film Festival e cul patrocini dal Consei de Europe. 
 
Ilustrazion Suns Europe 2017 di Marta Zanello.

 info@sunseurope.org
Pagjine Facebook

http://www.arlef.it/media/fck/DEFprogramma-553a6.pdf
  
----------

MISSUS A
 
SUNS EUROPE

 
 
missus_newsletter.jpg
 
 
Vinars 1 di Dicembar 2017
 
Teatri gnûf Giovanni da Udine aes 21.00 - (Sale Grande)
 
La storie dai ultims predis di "Glesie Furlane". La Glesie dai furlans, inte lôr bataie di ogni dì par tignî vive la lôr lenghe.
 
UN FILM DI
MASSIMO GARLATTI-COSTA
 
 
........................
 
E CA SOT  L'ARTICÛL IN LENGHE TALIANE
PUBLICÂT SUL SÎT "UDINETODAY"

http://www.udinetoday.it/eventi/suns-europe-novembre-dicembre-2017-progrmma.html

 
 

mercoledì 22 novembre 2017

IL COMUNE DI SAPPADA RITORNA A CASA!


Il COMUNE DI SAPPADA
"PLODN"
RITORNA A CASA!

BENTORNÂT
INTE PATRIE DAL FRIÛL!!


 
dal sito il FRIULI.it

articolo a firma di Hubert Londero e Silvia De Michielis

http://www.ilfriuli.it/articolo/Politica/Sappada_ritorna_in_Friuli/3/173575


Il Comune di Sappada torna a casa. Oggi alle 13.54 la Camera dei Deputati ha approvato, dopo un intenso dibattito durato tutta la mattinata, il passaggio del Comune dolomitico al Friuli Venezia Giulia. A votare a favore sono stati Partito Democratico, Lega Nord, Fratelli d'Italia, Movimento 5 Stelle, Alternativa popolare e Sinistra Italiana. Si sono astenuti, invece, il Movimento democratico progressista e Forza Italia, che hanno eccepito sulle conseguenze del voto e sulla correttezza dell'iter legislativo. Diversi deputati eletti in Veneto hanno votato in maniera contraria rispetto alle dichiarazioni di voto dei propri partiti d'appartenenza.(...)

Navarria: adesso è il momento della festa

"Ho messo il cuore a Sappada - dichiara Diego Navarria sindaco di Carlino e presidente della Comunità Linguistica Friulana – e ora è giusto far festa. Tutto il Friuli deve far festa per il voto favorevole della Camera che ha approvato il ritorno di Sappada. Ho sostenuto la causa di Sappada in occasione della Festa della Patria del 3 aprile 2016 a Gradisca. Da lì è partito un movimento di opinione, sostenuto dall’Assemblea dei sindaci friulani, che ha fatto pressione sulla politica perché decida. Ma non lo dico per prendere meriti – e spero che nessuno se li intesti – perché il merito del risultato è tutto e solo dei sappadini che hanno avuto la convinzione, la costanza, direi la testardaggine di 'tignî dûr', di resistere per 10 lunghi anni di fronte aì mille trabocchetti della politica e della burocrazia. 'Siamo friulani – han detto - e lo vogliamo essere anche dal punto di vista amministrativo'. Ora, per accoglierli degnamente in Friuli, serve il Friuli! Ma questa è un’altra battaglia. Ora facciamo festa".(...)


.................

Dal sito Sappada.info


LA STORIA DI SAPPADA

L’ipotesi più probabile sulle origini Sappada sostiente che i primi abitanti arrivassero da una valle vicina, più a nord, nell’attuale Austria

Si pensa che la località da cui partirono i primi Sappadini sia Innervilgratten, vista l’analogia della parlata e delle usanze. Il periodo in questione è il secolo undicesimo, quando su quella zona dell’Austria dominavano gli Heimfels. Forse fu per la prepotenza di questi regnanti che un gruppo di persone decise di avventurarsi verso un luogo più tranquillo.

La valle che raggiunsero era coperta da boschi e ricca di selvaggina. Venne chiesto il permesso di occupare la zona al patriarca di Aquileia e questo fu concesso in cambio di un modesto compenso annuale e della fedeltà verso di lui. I nuovi abitanti della valle iniziarono allora il disboscamento della zona per fare posto a prati per il pascolo e alle abitazioni sul versante nord, al sole.

(...) nel 1350 Sappada passò dalla giurisdizione del Cadore a quella della Carnia (Friuli n.d.r.).

Nel 1852 Sappada passava dalla provincia di Udine a quella di Belluno che a sua volta, qualche anno dopo, veniva annessa all’Italia (1866). (…)

................