giovedì 22 giugno 2017

MINORANCIS LINGUISTICHIS.... E VONDE!!



 

«Minorancis linguistichis»
 e.....vonde!

...............

Dal Blog di EURO FURLAN

il 21 di Jugn 2017
 

"Minorancis nazionâls"

e "comunitâts regjonâls"

«Continuiamo così,

 facciamoci del male»




 
Îr sul MV e je saltade fûr la pagjine ‘Marilenghe’, che si vierç cun chest articul là che si fevele di minorancis linguistichis e leçs eletorâls.
 
Al è un articul interessant, ancje se al palese cualchi contradizion e cualchi imprecision.

 In particolâr, propit lant daûr di chel, nus tocje marcâ il fat che nol è dome il Stât talian che
«al à inmò di cjapâ at dal test de Costituzion dal 1948».
 
Cun di fat, a àn ancjemò di fâlu ancje tancj di lôr che a scrivin sui gjornâi, par talian e magari ancje par furlan. E magari ancje cun chê di promovi la lenghe, la culture e i dirits dai furlans.

 Dut chest si palese juste intun passaç di chest articul (che magari cussì no, a chel pont nol è dome interessant ma magari cussì no al fâs ancje vignî i sgrisui) là che si fevele di presumudis
«minorancis nazionâls» e altris presumudis «comunitâts regjonâls».
 
L’articul 6 de Costituzion al proferìs il principi di fonde che «la Republiche e tutele lis minorancis linguistichis cun normis di pueste»: «minorancis linguistichis» e vonde.

 No esist nissune distinzion tra presumudis «minorancis nazionâls» e altris presumudis «comunitâts regjonâls». O tornìn a scrivilu: a son dutis «minorancis linguistichis», e vonde.
 
Il fat che tal cjâf di cualchi politic talian e esisti (ancjemò…!!!) cheste presumude distinzion, che e puarte a fâ fîs e fiastris tra lenghis e comunitâts – prime tra tutele «extra-costituzionâl» e mancjance di tutele e po tra tutele «extra-costituzionâl» e mancjade metude in vore de Leç 482/1999 (par esempli tal cjamp dal servizi public radiotelevisîf) – nol è un bon motîf ni par crodi ni, ancjemò di mancul, par fâ crodi ae int che cheste vision ideologjiche e sedi la realtât. E propit parcè che – cemût che al è scrit tal articul stes – cheste «e je une cuistion di principi!»…
 
La etichete «minorancis linguistichis” (cu la zonte di “storichis”, daûr de Leç 482/1999) e vâl par dutis lis popolazions ricognossudis tal articul 2 di chê stesse Leç (che a sedin defininidis cuntun agjetîf etnic o tant che «parlanti» une des lenghis che a son elencadis nol cambie nuie), daûr dal principi di fonde proferît cul articul 6 de Costituzion. A son dutis «minorancis linguistichis», e vonde.
 
Se impen si va daûr de Convenzion cuadri pe protezion des minorancis nazionâls dal Consei de Europe, che e je stade ratificade de bande dal Stât talian ancjemò tal 1997, dutis chês comunitâts (cu la zonte di rom e sinti, dismenteâts fin cumò de normative taliane) a son calcoladis tant che «minorancis nazionâls» e la lôr tutele (di dutis, no dome di chês che a fevelin chê stesse lenghe che dilà dal clap e je chê dominante e uficiâl) al è l’impegn che la Republiche taliane e à cjapât sù propit cu la ratifiche fate daûr de Leç 302/1997 e che magari cussì no e à mantignût une vore pôc, massim cun riferiment aes comunitâts furlane e sarde.
 
Lis peraulis a son impuartantis. Si à di fâ atenzion. Soredut se si à chê di di promovi la lenghe, la culture e i dirits dai furlans.
 
Se di no, par dîle ancjemò cun Nanni Moretti: «Continuiamo così, facciamoci del male».
 
.....................
 
 
COMENT
 
No podìn che jessi dacuardi cun "Eurofurlan".

Fin cuant varino ancjemò di lei su la stampe chestis falopis di fâ sgrisulâ?
 
 
La Redazion dal Blog
 



martedì 20 giugno 2017

METANODOTTO TRIESTE-GRADO-VILLESSE? MENO MALE CHE AL REFERENDUM DEL 4 DI DICEMBRE 2016 HA VINTO IL NO!!


Metanodotto Trieste-Grado-Villesse
al servizio del rigassificatore di Zaule??
Meno male che al referendum
del 4 di dicembre 2016 
ha vinto il NO!!!
...........
DA FACEBOOK - COMMENTO POSTATO 
DA GIORGIO CAVALLO 

June 16 at 2:15am ·

DUE NOTIZIE DI ORDINARIA DIS-AUTONOMIA.
LO STATO INVADE LA REGIONE ABBOZZA
di Giorgio Cavallo

Ambedue dal Piccolo di oggi 16 giugno 2017. La prima: per organizzare una Sagra, avendone tutte le caratteristiche previste dalle leggi, la normativa regionale prevedeva la presentazione di una comunicazione (SCIA: segnaletica certificata di inizio attività) al Comune anche il giorno stesso dell’inizio della manifestazione. Ora è sopravvenuto un decreto legislativo dello stato che prevede venga presentata una richiesta di “autorizzazione” almeno 30 giorni prima. Le Pro Loco le Sagre le faranno lo stesso (i friulani sono obbedienti) ma non mi sembra una opera di disboscamento della burocrazia che lo stato deve fare per mettere in riga le corrotte Regioni.
La seconda: il ministero dell’ambiente ha espresso la Valutazione di Impatto Ambientale positiva sul metanodotto Trieste-Grado-Villesse al servizio del rigassificatore di Zaule, che anch’esso ha già avuto parere positivo. Come noto tutte le istituzioni regionali (Regione F-VG, Comune di Trieste etc.) hanno espresso posizione contraria all’intervento, ma le loro considerazioni (come quelle di comitati ed associazioni) non sono state accettate in sede di VIA. Adesso siamo vicini alla Conferenza di Servizio che dovrà dare l’autorizzazione definitiva all’opera. In quella sede, ha annunciato l’ass. Vito, la Regione esprimerà il suo parere negativo e la cosa dovrebbe bloccare l’opera. Speriamo, ma non tutti sono sicuri di ciò. 
Val la pena di ricordare che, se la riforma costituzionale fosse stata approvata, la materia sarebbe stata di esclusiva competenza statale e del parere della Regione se ne facevano un baffo.


GIORGIO CAVALLO

.............................


 
La Redazione del Blog ringrazia Giorgio Cavallo per averle concesso la pubblicazione del suo commento.
 

 

venerdì 16 giugno 2017

AUTOSERVIZI F.V.G. SPA-SAF: un benvenuto a bordo senza la lingua friulana?



Autoservizi F.V.G. SPA – SAF

Un benvenuto a bordo

.... senza lingua friulana??

............



Un amico ci segnala:


Fino all'anno 2015/2016, le “regole di viaggio - rules for traveling - regulis di viaç esposte al pubblico sui pullman della SAF che circolano per le strade del Friuli, risultavano scritte anche in lingua friulana, oltre che in italiano e in inglese.

http://www.caicividale.it/rommel/download/SAF-Valli_del_Natisone_D02.03_2015-06-12.pdf

Poi, la grande sorpresa di oggi:

nel “Regolamento dei servizi SAF" anno 2016, leregole di viaggio - rules for traveling - regulis di viaç risultano scritte solo in lingua italiana e inglese.

Della lingua friulana non c'è più traccia: desaparecidos?? Pare proprio di "Sì"......


Perchè questa eliminazione?

E se - poniamo come ipotesi - la eliminazione della lingua friulana è stata imposta  alla SAF, chi ha dato questa direttiva?

Perchè quella che da anni era considerata una conquista della minoranza linguistica friulana e una importante forma di valorizzazione/tutela di questa lingua attraverso la visibilità pubblica, ora risulta essere stata eliminata?

Ricordiamo che la minoranza linguistica friulana è una minoranza riconosciuta e tutelata dalla Repubblica italiana ai sensi dell'art. 6 della Costituzione italiana e da trattati internazionali europei ratificati anche dallo Stato italiano e che i pullman della Saf collegano Comuni friulanofoni.

Nel ringraziare l'amico che ci ha fatto la segnalazione, documentandola adeguatamente dopo essersi opportunamente informato, restiamo in attesa di un chiarimento da parte della SAF e della Giunta regionale di Debora  Serracchiani.


LA REDAZIONE DEL BLOG


martedì 13 giugno 2017

COMUNI DI FLAIBANO, MERETO DI TOMBA E SEDEGLIANO - LA FUSIONE NON SI FARA': L'IDENTITA' NON E' IN VENDITA!!



REGIONE FRIULI

FUSIONI TRA COMUNI

L'IDENTITA'

NON E' IN VENDITA!!

...........


Referendum regionale consultivo per la fusione dei Comuni di Flaibano, Mereto di Tomba e Sedegliano - 11 giugno 2017


I cittadini non cedono alle lusinghe dei finanziamenti regionali!


L'identità non è in vendita!!


LA FUSIONE NON SI FARA'!


Questi i risultati del Referendum:
(fonte regionale)

Dal quotidiano IL PICCOLO di Trieste:

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2017/06/12/news/referendum-no-alla-fusione-comuni-flaibano-mereto-di-tomba-e-sedegliano-1.15479855?ref=hfpitsel-1

TRIESTE Non è stata accolta la proposta referendaria, promossa su iniziativa dei Consigli comunali, per la costituzione di un nuovo Comune derivante dalla fusione di Flaibano, Mereto di Tomba e Sedegliano, in provincia di Udine.

Al termine delle operazioni di scrutinio - riferisce la Giunta regionale con una nota - in tutti e tre i Comuni ha vinto il No, ottenendo il 57,79% dei voti, mentre il Si ha raggiunto quota 42,21%. In particolare a Flaibano il No ha raggiunto il 63,19% e il Si il 36,81%; a Mereto di Tomba, No 50,48%, Si 49,52%; a Sedegliano No 60,91%, Si 39,09%.


...............................

lunedì 12 giugno 2017

BASTA DISCRIMINARE LA MINORANZA LINGUISTICA FRIULANA - LA MISURA E' COLMA!!



BASTA DISCRIMINARE LA

MINORANZA LINGUISTICA FRIULANA.

LA MISURA E' COLMA!!


.............

da Facebook

DIEGO NAVARRIA

9 giugno 2017



Comunicato stampa

del Presidente

della Assemblea della

Comunità linguistica friulana

DIEGO NAVARRIA


"Questo è il testo integrale del comunicato che ho inviato alla stampa. Solo Il Gazzettino oggi pubblica un piccolo fondino.

Nella seduta generale del 4 febbraio scorso l’Assemblea della Comunità Linguistica Friulana, costituita da 102 sindaci, ha votato all'unanimità una mozione che chiedeva con forza di garantire nel futuro parlamento una rappresentanza politica alla minoranza linguistica friulana, analogamente a quanto avviene in Val d’Aosta e Trentino Alto Adige.
         
Tale documento è stato poi inviato a tutti i parlamentari eletti in Regione: spiegando come fosse indifferibile “mettere in campo una forte azione atta a far sì che ai friulani sia restituita la dignità politica, insieme a quei diritti che sono affermati dalla Costituzione, dalle leggi e dall'Europa, ma che lo Stato non ci riconosce”. A distanza di quattro mesi, la nuova legge elettorale che entra in discussione fa strame di tutte le nostre richieste.

Prima di tutto, chiedevamo “che il futuro Parlamento potesse essere un organismo fatto di membri eletti dai cittadini, non di nominati dai partiti italiani”: l’ultima versione del testo mostra che solo un terzo dei parlamentari saranno effettivamente scelti dagli elettori, gli altri saranno “cooptati” dalle segreterie romane.
         
Non bastasse questa ragione di disappunto, salta all’occhio con evidenza che la legge elettorale fissa un limite di accessibilità del 5% a livello italiano per la ripartizione dei senatori eleggibili nelle singole regioni. Al riparto possono accedere solo le compagini già presenti a livello nazionale, oppure le liste che al livello regionale hanno superato il 20% dei voti ottenuti. Ma se il Senato è eletto su base regionale, non può esserci alcuna discriminazione alla eleggibilità dettata da condizioni esterne alla singola Regione. E il Capo dello Stato non può non accorgersene…

Inoltre persiste la situazione di tutela (legittima, ma esclusiva) di Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige/Sudtirol che hanno legislazioni specifiche sia per la Camera che per il Senato: noi invece non abbiamo tutela per le nostre minoranze in nessuna delle due Camere. Non è legittimo tuttavia che ai friulani, numericamente in grado di costituire una propria rappresentanza in Parlamento se vi fossero condizioni non discriminatorie, venga innalzata la soglia d’accesso alla rappresentanza che in altri ambiti è alla portata di qualsiasi forza politica.

Risulta che sin dall’esame del provvedimento in Commissione Affari Costituzionali due voci bipartisan (quelle degli onorevoli Gianna Malisani e Gian Luigi Gigli) abbiano provato a sollevare queste questioni sotto forma di emendamenti posti alla discussione, ma si sono trovati di fronte un muro. I friulani li ringraziano, ma non dimenticano qual è stato l’atteggiamento delle forze politiche italiane di fronte alle proposte concrete che avevamo sollecitato per garantire il rispetto dei nostri diritti. E sì che anche il Consiglio Regionale aveva fatto sua la mozione dell’Assemblea, ma le medesime forze politiche che a Trieste si sono impegnate formalmente, a Roma non riconoscono minimamente l’esigenza di garanzie costituzionali per le minoranze.

Ce n’è abbastanza per considerare la misura colma.


Diego Navarria

Presidente
dell’Assemblea della
Comunità Linguistica Friulana

.........


COMMENTO

DELLA REDAZIONE DEL BLOG


Facciamo nostra la legittima protesta di Diego Navarria, Presidente della Assemblea della Comunità Linguistica Friulana e nel contempo segnaliamo la richiesta al Parlamento italiano della minoranza linguistica slovena, richiesta che aggrava ulteriormente la discriminazione a danni della minoranza linguistica friulana all'interno di una stessa Regione (Friuli – Venezia Giulia) e dello Stato italiano. Ricordiamo che la Costituzione della Slovenia all'art. 64 prevede un rappresentante in Parlamento per “ogni minoranza linguistica riconosciuta da questo Stato e dunque non solo  per la minoranza italiana. La Costituzione slovena e quella italiana sono diverse e quest'ultima - a differenza della Costituzione slovena - non prevede la elezione diretta di un rappresentate in Parlamento per ognuna delle 12 minoranze linguistiche riconosciute dalla Repubblica italiana con la legge 482/99 ai sensi dell'art. 6 della nostra Carta Costituente.

Certamente il problema esiste, ma è un problema che riguarda TUTTE le minoranze linguistiche che vivono in Italia e non solamente la minoranza slovena che “in solitaria” sta cercando un non accettabile privilegio che discrimina le altre minoranze linguistiche, in particolare le minoranze sarde e friulane, le due maggiori - in termini numerici - minoranze che vivono in Italia.

Anche queste ultime due minoranze non hanno rappresentati in Parlamento se non eletti nelle file di un partito italiano!

Questi gli emendamenti alla legge elettorale richiesti dalla minoranza linguistica slovena e giustamente respinti perchè creavano una discriminazione incostituzionale a danni delle altre minoranze linguistiche, in primis alle minoranze sarde e friulane:


Una soluzione al problema va sicuramente trovata ma tenendo conto che sono 12 le minoranze linguistiche riconosciute dalla Repubblica italiana e che la Costituzione slovena assicura l'elezione diretta al Parlamento a TUTTE le sue minoranze linguistiche e non solo ai cittadini sloveni di lingua italiana!!

Se si cita la Costituzione slovena, la si citi correttamente e non in maniera strumentale e riduttiva!!

La legittima battaglia della tutela della minoranze linguistiche va fatta in Parlamento assieme con le altre minoranze e senza richiedere "esclusivi" privilegi incostituzionali.

Ricordiamo che L'UNIONE FA LA FORZA!!

LA REDAZIONE DEL BLOG

sabato 10 giugno 2017

TERZA CORSIA A 4: INCIDENTI E COSTI. LE RESPONSABILITA' DELLA POLITICA.


 
Comitât pe autonomie e il rilanç dal Friûl
 
 
Comunicato stampa

9 giugno 2017

Terza corsia: incidenti e costi.
Le responsabilità della politica.


Mentre si susseguono gli incidenti ed i disagi sulla A 4 qualcuno forse ricorderà una nostra vecchia proposta. Una proposta banale: una bretella autostradale tra Udine sud e Cimpello.

Avrebbe permesso un collegamento veloce tra i due poli economici del Friuli, si sarebbe realizzato un percorso alternativo alla Palmanova – Portogruaro sgravandone il traffico e garantendo i collegamenti in caso di blocco dell'autostrada, si sarebbe creato un collegamento diretto con la futura pedemontana veneta e si sarebbe lavorato senza disturbare il normale traffico autostradale.
 
45 chilometri di bretella o superstrada invece di 80 chilometri di terza corsia, con ponti e caselli da demolire e rifare.

Troppo semplice e troppo poco costoso?

E vi sarà pure una responsabilità oggettiva di quanto succede quotidianamente sulla A 4!
 
Comitato per l'Autonomia e il Rilancio del Friuli
il presidente
Paolo Fontanelli
 

lunedì 5 giugno 2017

"IL FRIULI, LE MINORANZE LINGUISTICHE E LA NUOVA LEGGE ELETTORALE" di Giorgio CAVALLO





 
 
IL FRIULI,

LE MINORANZE LINGUISTICHE

E LA NUOVA
 
 
LEGGE ELETTORALE

 
di

Giorgio Cavallo

 
Tra mille giochi politici e furbizie si va verso una nuova legge elettorale sia per la Camera dei Deputati che per il Senato. La scelta del modello tedesco è per sua natura legata ad una distribuzione proporzionale dei seggi con il diniego all’accesso per chi non raggiunge una percentuale che lì è del 5%. Tuttavia nulla vieta che singoli candidati indipendenti, non legati a formazioni di carattere federale, possano essere eletti in singoli collegi uninominali.

Nei prossimi passaggi parlamentari assisteremo a modi diversi di interpretare in salsa italiana il modello teutonico, sia per necessità oggettive come la non possibilità di variare il numero di eletti, sia per trucchi inventati a favore di singoli interessi di parte.

In questo quadro non è più possibile rimandare il tema della rappresentanza politica delle minoranze linguistiche in una forma definitiva che tenga conto dell’esistenza di una precisa legge dello stato la 482/1999 che le inquadra e da sostanza all’art. 6 della Costituzione.

Attualmente esiste una norma relativa alla Camera dei Deputati che permette ad una lista rappresentativa di minoranza linguistica, presente in una regione a statuto speciale che nello statuto preveda la tutela della minoranza, di accedere alla ripartizione “nazionale” dei seggi qualora raggiunga almeno il 20% dei voti validi nella Regione di appartenenza. La norma era stata costruita per permettere alla Sudtiroler Volkspartei di ottenere dei seggi e contemporaneamente impedirlo agli altri partiti di lingua tedesca presenti in Provincia di Bolzano. Non ci sono altre Regioni per cui questa norma possa valere, salvo una interpretazione estensiva del significato dell’art. 3 dello statuto del F-VG. La Valle d’Aosta ha da sempre un regime elettorale diverso che permette di eleggere direttamente un deputato ed un senatore.

Poiché la norma non soddisfaceva pienamente la Sudtiroler Volkspartei si è passati ad una specifica che attribuiva al Trentino-Sudtirolo l’elezione di tutti i propri deputati attraverso 8 collegi uninominali ed il recupero proporzionale degli ulteriori disponibili all’interno della Circoscrizione regionale. Non si tratta di una norma per la minoranza linguistica tedesca, né per quella ladina, ma di una organizzazione diversa del modello elettorale in una Regione a Statuto speciale : il tema delle minoranze interviene solo nella definizione dei confini dei collegi uninominali.

Non esiste nessun motivo per cui una simile organizzazione del modello elettorale del Trentino-Sudtirolo non possa essere applicata anche da noi: il F-VG è una Regione a statuto speciale dell’arco alpino, con presenza di tre minoranze linguistiche che rappresentano la maggioranza della popolazione, ed è confinante con due stati esteri, con uno dei quali esiste un trattato internazionale, quello di Osimo trasferito alla Slovenia come stato successore della Jugoslavia, che prevede per ognuno degli stati contraenti la tutela delle proprie minoranze secondo il proprio diritto interno in armonia con una serie di riferimenti al diritto internazionale.

L’art. 2 dell’attuale legge elettorale in vigore prevede un regime particolare per Valle d’Aosta e Trentino-Alto Adige/Sudtirol e con ogni probabilità rimarrà in vigore anche con l’adozione del modello tedesco. L’inserimento del F-VG in questo quadro appare necessario non solo per la presenza di particolari minoranze ma proprio come riferimento territoriale del tutto analogo agli altri due.

Altro tema è quello della rappresentanza delle minoranze linguistiche che deve trovare soluzione generale per quelle indicate dalla Legge 482/1999 nei loro territori di insediamento, oggi ben identificati. Non si tratta di costituire privilegi ma semplicemente di prevedere che una lista rappresentativa di minoranze linguistiche possa accedere alla ripartizione dei seggi, alla Camera ed al Senato, se è in grado di ottenere un numero di voti nel proprio territorio di insediamento pari a quello che a livello italiano permette ad un partito di farlo. Questo, in prima approssimazione, è facile da ottenere anche con un semplice emendamento all’attuale legislazione riducendo il limite regionale previsto dal 20% al 5% ed applicandolo a tutte le regioni dove sono insediate minoranze linguistiche. E’ peraltro evidente la validità di questa proposta anche nel caso di applicazione del modello elettorale tedesco.

Mi risulta che due emendamenti nella direzione sopra descritta, modello elettorale del Trentino-Sudtirolo applicato anche in F-VG e norma generale per tutte le rappresentanze di minoranze linguistiche, siano stati presentati alla Camera dei Deputati dall’on. Gianna Malisani.

Se ne parli e si costruisca un movimento d’opinione per sostenerli.

Giorgio Cavallo - 30 maggio 2017

...................

Il documento a firma di Giorgio Cavallo è stato pubblicato sul settimanale della Arcidiocesi di Udine, LA VITA CATTOLICA, il 31 maggio 2017 in prima pagina e seguito a pagina 3, come EDITORIALE e con il titolo “In Parlamento spazio alla minoranza friulana.

La Redazione del Blog ringrazia Giorgio Cavallo per averle concesso la pubblicazione del suo documento.

........................
 

 

venerdì 2 giugno 2017

LEGGE ELETTORALE - FERMIAMO LA GRANDE TRUFFA!!


LA PROPOSTA
DI LEGGE ELETTORALE
del Partito Democratico
che pare piacere anche ad altri?

UNA GRANDE TRUFFA
che ci regalerà
UN PARLAMENTO DI SERVI E
UNO SQUADRONE DI NOMINATI!!


La Costituzione italiana, come da sentenza della Corte Costituzionale, riconosce alla  rappresentatività  un peso notevolmente maggiore della governabilità.....
 
Ne vogliamo tener conto e far scegliere  i parlamentari agli elettori  o dobbiamo continuare ad avere un Parlamento di servi formato da uno squadrone di nominati dai capi partito? Non era questo che avevano previsto i Padri Costituenti nel 1947....

Con la proposta di legge del Partito Democratico gli elettori non avranno alcuna possibilità di scegliere i propri rappresentanti...

...........



Dal Blog

dell'avv. Felice Besostri

Comunicato stampa dell'avv. Felice Besostri, coordinatore degli avvocati antitalikum-CDC




Pubblicato da: Felice Besostri 1 giugno 2017


Cominciamo a dare un altro nome all’ultima fatica della Camera dei deputati in materia elettorale: non si tratta del modello “tedesco”. L’unico punto in comune è che il riparto complessivo dei seggi tra le liste dipende dal voto per le liste circoscrizionali per la Camera dei deputati e che ci sono 303 collegi uninominali, cioè la metà dei seggi in palio sul territorio nazionale, esclusi quelli della circoscrizione estero e delle regioni autonome Val d’Aosta e Trentino Alto Adige.
 
Manca il voto disgiunto e, quindi, la libertà dell’elettore di esprimere un voto che, come richiede la Costituzione, sia personale (articolo 48 Cost.) e diretto (artt. 56 e 58 Cost.). Ci sono altresì problemi di rispetto dell’articolo 51 Cost. (diritto di candidarsi in condizioni di eguaglianza) a seconda del fatto di essere candidati in un collegio uninominale o nella lista bloccata circoscrizionale/regionale.
 
Un’altra perplessità di disparità di trattamento – e, perciò, di violazione del combinato disposto degli articoli 3, 48 e 49 Cost. – è la previsione di un esagerato numero di sottoscrizioni per le liste di candidati e la contestuale esenzione delle forze politiche già presenti in Parlamento. Un esempio per tutti: per candidarsi in Umbria (con poco meno di un milione di abitanti) servono 10 mila firme di sottoscrizione, quando nella Renania settentrionale-Vestfalia (un Land con quasi 20 milioni di abitanti) ne bastano 1000 per le liste non presentate da partiti politici registrati (che sono esentati).
 
Ultima notazione: la tecnica legislativa. Con questi emendamenti super-canguri, è di fatto cancellato l’articolo 72 della Costituzione e, quindi, il ruolo del Parlamento. Nel caso specifico, il Pd Fiano abolisce il ruolo del Senato persino nel delineare la propria legge elettorale: più bravo di Renzi, cui l’operazione non è riuscita grazie ai NO del 4 dicembre alla revisione costituzionale.
 
Ci sono tuttavia margini per eliminare queste incostituzionalità e si confida nelle forze politiche tutte, che hanno difeso la Costituzione e combattuto contro l’incostituzionalità dell’Italikum.

Felice Besostri
 
............


mercoledì 31 maggio 2017

RICOSTRUZIONI POSTSISMICHE - "IL MODELLO FRIULI" E' FUORI MODA!!


 
"IL MODELLO FRIULI"?

E' fuori moda in un momento

in cui il centralismo
 
è il metodo di governo!!
.........
 

Riceviamo e pubblichiamo

 

COMUNICATO STAMPA
 

RICOSTRUZIONI POSTSISMICHE
 

di Franceschino Barazzutti

I friulani hanno certamente letto che il presidente della Repubblica Mattarella, in occasione della sua visita alle zone terremotate dell’Emilia, ha dichiarato “Il modello Emilia è da esportare”. Senza nulla togliere a quella ricostruzione, rilevo che nella sua visita in Friuli in occasione del quarantesimo del sisma del 1976, che sconvolse questa terra con 989 vittime, il presidente Mattarella nei suoi interventi alle lodi per il “modello Friuli” non fece seguire neppure un accenno all’opportunità della sua esportazione, nonostante il successo generalmente riconosciuto.

Ma già! In una fase della vita nazionale in cui la politica ha abbracciato il centralismo come metodo di governo, al pur tanto apprezzato modello Friuli va messa la sordina. Tant’è che nelle ricostruzioni postsisma che si sono susseguite dal 1976 non in una è stato adottato il modello Friuli e i risultati non sono stati positivi.

Al modello Friuli va messa la sordina perché impregnato del massimo decentramento dallo Stato alla Regione e da questa ai Comuni ed ai sindaci-funzionari delegati della Regione, perché la popolazione svolse un ruolo da protagonista in un processo altamente democratico. Al contrario, la gestione centralista della ricostruzione vuole una sola persona-commissario straordinario, cui spettano le decisioni, mentre i terremotati stanno buoni e tranquilli ad aspettare la risoluzione dei propri problemi.

Invero il modello Friuli è stato messo in sordina anche perché il Friuli stesso vi è finito, in quanto terminata la ricostruzione, ha contato sempre meno nei palazzi romani: dopo gli illustri ministri di un tempo è da anni che il Friuli non ha nel governo neanche un sottosegretario.
 

Franceschino Barazzutti

presidente onorario dell’Associazione Comuni terremotati e sindaci della ricostruzione del Friuli.

31 maggio 2017
 
 

lunedì 29 maggio 2017

VOTEREMO NUOVAMENTE CON UNA LEGGE ELETTORALE INCOSTITUZIONALE? LE PREMESSE CI SONO TUTTE!!


 
VOTEREMO NUOVAMENTE
CON UNA LEGGE ELETTORALE
INCOSTITUZIONALE?

LE PREMESSE
CI SONO TUTTE...
 
....................

"La legge elettorale non è un dettaglio tecnico. Si tratta di una scelta politica, che va pensata in un’ottica di lungo periodo e nell’interesse del Paese, non di uno o più partiti."
 

Felice Besostri e Salvatore Salzano
 

..............



Dal blog dell'Avv. Felice Besostri

Leggi elettorali e

scelte politiche


Pubblicato da: Felice Besostri 22 maggio 2017

di Felice BESOSTRI e Salvatore SALZANO

Due sentenze della Corte costituzionale, prima la n.1/2014 e ora la 35/2017 hanno dichiarato incostituzionali le ultime due leggi elettorali. Il referendum del 4 Dicembre 2016 ha dimostrato che occorre una legge elettorale che rispetti la volontà degli elettori. Eppure la discussione di questi giorni sembra che voglia ignorare tutto ciò.

Avremo una terza legge incostituzionale?

Dobbiamo evitarlo: tre leggi incostituzionali di seguito rappresenterebbero un rischio per la credibilità e la tenuta delle istituzioni. Occorre allora tenere conto dei principi che discendono dalle sentenze della Consulta e, soprattutto, delle questioni non ancora esaminate. Se i rimanenti dodici Tribunali su ventidue, investiti in primo grado, si pronunciassero in base sui ricorsi ancora pendenti (la sentenza n. 35/2017 ha deciso sulle ordinanze di soli 5 Tribunali), l’impatto sui lavori della Commissione Affari Costituzionali della Camera sarebbe fortissimo. Teoricamente 4 o 5 pronunciamenti potrebbero arrivare prima del 29 maggio, data presunta per la conclusione dei lavori della Commissione e la trasmissione di un testo base all’aula di Montecitorio.

Esaminiamo le possibilità oggi in discussione.

Un sistema di collegi uninominali a riparto proporzionale, con premio di maggioranza, sarebbe incostituzionale per violazione degli artt. 48, 56 e 58 e dei principi del voto eguale, personale e diretto. Idem un sistema che abbassi la soglia per il premio e alzi quella di accesso, che abbia o no capilista bloccati. Stesso rischio per tutti i sistemi che confondono e complicano la volontà di espressione del cittadino.

Gli unici sistemi elettorali sicuramente costituzionali sono quelli semplici, cioè quelli proporzionali con o senza una limitata soglia di accesso e, al massimo, un limitato premio di maggioranza legato ad una soglia significativamente alta, oppure quelli maggioritari senza fronzoli, come quelli che impongono di ottenere la maggioranza parlamentare conquistando la maggioranza dei collegi uno per uno, senza trucchi. Un maggioritario all’inglese, dove si vince per merito di candidati, conquistando la maggioranza dei seggi, secondo la volontà degli elettori, è perfettamente costituzionale, benché scandalizzi la maggioranza dei nostri amici e compagni e non sia tra le nostre opzioni preferite.

Il sistema alla francese, invece, è più distorsivo del maggioritario all’inglese. Nel modello francese, con il ballottaggio, al secondo turno prevale il meno peggio o il voto contro, che spesso è una cosa molto diversa dalla iniziale volontà dell’elettore.

Cosa fare allora?

La legge elettorale non è un dettaglio tecnico. Si tratta di una scelta politica, che va pensata in un’ottica di lungo periodo e nell’interesse del Paese, non di uno o più partiti.

Non fu così con Mattarellum, Porcellum e Italicum, alla base dei quali c’erano calcoli per favorire gli interessi di partito: il Partito Popolare, nel primo caso, il PdL nel secondo e il PD nel terzo. Calcoli che si sono per giunta rivelati sbagliati e hanno condannato il Paese ad anni di paralisi e degrado della politica.

I due partiti egemoni nei due Poli, Forza Italia e PDS-DS, erano d’accordo su tre punti: sistema politico bipolare tendenzialmente bipartitico; sistema elettorale maggioritario; togliere ai cittadini la scelta dei loro rappresentanti, grazie a collegi uninominali e liste parzialmente (Mattarellum) o totalmente (Porcellum) bloccate fino all’invenzione dei capilista bloccati (Italicum). (…)

LEGGI TUTTO IL DOCUMENTO


...........

 
SISTEMA ELETTORALE ALLA TEDESCA? 

Basta imbrogli!

La legge elettorale alla tedesca
è ben altro rispetto a quanto proposto
dal Partito democratico di Renzi! 
 
Dal Blog dell'Avv. Besostri
 
Comunicato Stampa
del 24 maggio 2017
 
(…) «L’ultimo progetto di legge elettorale presentato dal Pd, che per comodità chiamiamo Fianum, è assolutamente incostituzionale. Non solo per il motivo che il voto non è uguale, come avveniva nel Porcellum e nell’Italicum, ma anche perché non è nemmeno libero e personale come richiede l’articolo 48 della Costituzione e neppure diretto come richiedono l’articolo 56 per la Camera dei deputati e l’articolo 58 per il Senato.

Per salvare questo pdl bisogna farlo diventare un vero e proprio germanicum cioè con il cinquanta per cento di eletti nel proporzionale e il cinquanta per cento in collegi uninominali da scorporare se superano la percentuale ottenuta nei collegi plurinominali proporzionali. Non siamo al supermercato dove compri uno e te ne danno due. Quindi deve essere ammesso il voto disgiunto tra collegio uninominale maggioritario e collegio plurinominale proporzionale» (...)
 
Avv. Felice Besostri
 

.............