lunedì 21 maggio 2018

REGIONE FRIULI-VG: LETTERA APERTA AI CONSIGLIERI REGIONALI DELLA 12^ LEGISLATURA


Comitât pe Autonomie
e pal Rilanç dal Friûl

Ai Consiglieri regionali della 12^ legislatura
alla Giunta regionale
e, p.c. agli organi di stampa

Il Comitato per l'autonomia e il rilancio del Friuli ha rilevato con soddisfazione che molte forze politiche che si sono presentate alle recenti elezioni regionali hanno fatto propri temi ed aspettative autonomiste ovvero argomenti diretti alla difesa dell'autonomia speciale del Friuli – Venezia Giulia.
 
L'uso generale in campagna elettorale di simboli e bandiere friulane, presenti nella stragrande maggioranza degli schieramenti, ci permette di ricordare a tutti che, per coerenza, le politiche regionali dovranno essere più attente che in passato alla difesa e sviluppo della lingua friulana e degli organismi istituiti per la sua tutela.
Ci permettiamo anche di segnalare il mai risolto problema della sperequazione nel finanziamento degli atenei regionali, a danno di quello del Friuli, in un più generale quadro di equa ripartizione territoriale delle risorse.

Nell'augurare buon lavoro al nuovo Consiglio regionale questo Comitato auspica inoltre che Giunta e Consiglio riescano a recuperare interamente le risorse dovute dallo Stato, allineandosi alle altre Regioni a statuto speciale, con eventuali nuovi meccanismi di calcolo che tengano conto della prospettata revisione dei criteri di tassazione a carico dei cittadini.

17.05.2018

per il Comitato per l'Autonomia e il Rilancio del Friuli
il presidente
dott. Paolo Fontanelli

mercoledì 9 maggio 2018

ASSESSORI REGIONALI ALLA CULTURA E ALL'ISTRUZIONE? PER SALVARE LA SPECIALITA', PROIBITO NOMINARE "PATRIOTI ITALIANISSIMI"


 
REGIONE FRIULI-VG

I NUOVI ASSESSORI

ALLA CULTURA E ALL'ISTRUZIONE?

PER TUTELARE LA SPECIALITA'

PROIBITO NOMINARE

"PATRIOTI   ITALIANISSIMI"


NOTA

PER MASSIMILIANO FEDRIGA



In una regione in cui il 60% della popolazione è minoranza linguistica storica riconosciuta e tutelata dalla Repubblica italiana ai sensi dell'art. 6 della Costituzione italiana, gli Assessorati che si occupano anche di tutela delle tre minoranze linguistiche che vivono in regione (friulani, sloveni e tedeschi) finanziando e programmando la tutela stessa, non potranno che avere a capo un Assessore competente e sensibile anche nel campo della tutela di queste tre minoranze linguistiche.

Il che significa la esclusione a priori di chi nel suo DNA non ha notoriamente questa sensibilità politica.

Ricordiamo al neo Presidente di regione Massimiliano Fedriga, che l'unico motivo di specialità della nostra regione è la presenza massiccia di minoranze linguistiche storiche.

Tutelarle in maniera seria significa tutelare l'autonomia speciale della nostra regione.

Ricordiamo anche che “tutela” non è sinonimo di “folclorizzazione” dei diritti linguistici.


LA REDAZIONE DEL BLOG
 
 

mercoledì 2 maggio 2018

REGIONE FRIULI-VG - ELEZIONI REGIONALI DEL 29 APRILE 2018: HA VINTO CHI HA PERSO DI MENO


REGIONE FRIULI-VG

ELEZIONI REGIONALI

DEL 29 APRILE 2018

COM'E' ANDATA?
 


I risultati

Dal quotidiano il Messaggero Veneto (Ud)


Commenti

1) Dal quotidiano Friulisera.it – articolo a firma di Fabio Folisi pubblicato il 30 aprile 2018
 

 
"Onestà intellettuale e politica vorrebbe che fossero gli stessi partiti a spiegarlo, ma siccome siamo certi non verrà fatto né da vincitori né da vinti, allora lo facciamo noi. Diciamo subito che in democrazia i numeri hanno un significato e, nascondere la realtà dietro a forvianti percentuali, non è certo la maniera migliore per riconquistare le persone alla passione per la politica e per la gestione della cosa pubblica. Ed allora scopriamo che in totale i voti validi sono stati 537.950 su un corpo elettorale di 1.107.415. Questo vuol dire che 569.465 elettori non hanno votato (…)

2) Salvo il movimento “Patto per l'autonomia” che ha triplicato i voti rispetto alle elezioni politiche del 4 marzo e a cui facciamo i complimenti, il 29 aprile ha vinto chi ha perso di meno rispetto alle elezioni politiche del 4 marzo.
 
Da facebook “Rinascita triestina” i calcoli di chi ha “PERSO DI MENO” a Trieste

Cosi si può leggere su facebook “Rinascita triestina” a commento della analisi del voto del 29 aprile 2018:

19 h ·
#OsservatorioElettorale - REGIONALI 2018 - LA MATEMATICA DICE CHE E' STATA UNA GARA A CHI HA PERSO MENO VOTI RISPETTO ALLE POLITICHE DEL 4 MARZO - Solo il Patto per l' Autonomia aumenta, più che triplicando i voti.
 
 Esaminando i risultati elettorali con il criterio dei voti assoluti e non delle percentuali, che spesso sono fuorvianti, si scopre che TUTTI, a Trieste come in Regione, hanno perso migliaia di voti rispetto alle politiche di due mesi prima.
 
E' stata una gara a chi perdeva meno consensi propiziata dalla scelta antidemocratica della Giunta precedente di piazzare le elezioni in un ponte per favorire l' astensionismo.
 
Dal momento che alle Regionali ha votato il 24,5% in meno degli aventi diritto (rispetto alle elezioni politiche del 4 marzo n.d.r.) chi perdeva di meno risultava avere paradossalmente una percentuale in crescita.
  
Osserviamo cosi che a Trieste il PD e Forza Italia dati per stabili hanno perso rispettivamente il 32,4% e il 35,2% dei propri elettori alle politiche.
I Fratelli d'Italia annoverati tra i vincitori hanno perso il 39,6% dei consensi che avevano due mesi prima.
 
La Lega, indubbia trionfatrice, ha invece perso solo il 22,5% dei voti assoluti.
 
Un assoluto disastro invece quello dei 5 Stelle che perdono in due mesi l' 81,2% dei consensi triestini con gravi danni sulle trattative per il governo nazionale. (…)


-----------------


LA REDAZIONE DEL BLOG



venerdì 27 aprile 2018

ELEZIONI REGIONALI DEL 29 APRILE 2018: INVITO AL VOTO/COMUNICATO STAMPA

 
 
 
Comitât pe Autonomie e pal Rilanç dal Friûl

Comunicato stampa
 
27 aprile 2018

Invito al voto
 
Il Comitato per l'Autonomia e il rilancio del Friuli ha seguito con attenzione gli sviluppi della politica regionale di questi anni ed ha molto apprezzato il lavoro di analisi e di ricerca fatto da un gruppo di amministratori di piccoli Comuni e semplici cittadini sul tema dell'Autonomia, delle risorse, dello sviluppo economico e sociale. Il loro lavoro si è concretizzato politicamente nel PATTO per L'AUTONOMIA con una lista rappresentativa delle diverse anime dell'autonomismo friulano e crediamo che un voto per questi candidati che hanno chiesto al prof. Sergio Cecotti di rappresentarli, sia il modo migliore per sostenere la voce di chi intende rappresentare in Regione le istanze di questo territorio, la sua storia, il suo diritto ad un futuro.

per il Comitato per l'Autonomia e il Rilancio del Friuli
il presidente
Paolo Fontanelli


mercoledì 25 aprile 2018

ELEZIONI REGIONALI - MINORANZE LINGUISTICHE: COMUNICATO STAMPA DEL COMITATO 482


Elezioni regionali - minoranze linguistiche

Dal Blog
del Comitato 482 

 
24/04/18

Comunicato stampa: Elezioni regionali 2018,
cresce l'attenzione dei candidati
verso la tutela delle minoranze linguistiche


Solo Bolzonello, Cecotti e Fraleoni Morgera 
rispondono
al  Comitât / Odbor / Komitaat / Comitato 482

Presentati oggi a Udine i riscontri al documento 
sulle politiche linguistiche sottoposto
a leader e coalizioni

I candidati alla Presidenza della Regione condividono una certa consapevolezza sull'importanza della tutela delle minoranze linguistiche come fondamento dell'autonomia speciale del Friuli-Venezia Giulia e sulla rilevanza delle politiche linguistiche, anche se mostrano livelli di attenzione e di competenza alquanto diversificati sugli specifici aspetti della questione. È quanto emerge dalle risposte fornite al Comitât / Odbor / Komitaat / Comitato 482 – che aggrega oltre una ventina di realtà espressione delle comunità friulana, slovena e germanica della nostra regione – a seguito di un documento riguardante queste tematiche posto alla loro attenzione.

L'iniziativa aveva una duplice finalità: verificare l'attenzione su questi temi di chi aspira a governare la Regione e, poiché si tratta di una questione di pubblico interesse, dare adeguata informazione ai cittadini in merito alle diverse posizioni al riguardo. Il documento di sintesi è stato così sottoposto ai quattro candidati alla Presidenza della Regione e ai rappresentanti delle liste che li sostengono lo scorso 13 aprile con l'invito a rispondere nell'arco di una decina di giorni.

Il testo, elaborato a partire dai contenuti presenti nelle relazioni finali predisposte dai quattro gruppi di lavoro coinvolti nella Conferenza regionale di verifica e proposta sulla lingua friulana, organizzata lo scorso dicembre dal Consiglio regionale, propone diciassette questioni, che vanno dalla necessità di rafforzare il ruolo della Regione in questo campo con apposite norme di attuazione dello Statuto ad una serie di interventi nei settori dell'istruzione, dei media e dell'uso pubblico delle lingue minoritarie.

Il più alto livello di convergenza tra i candidati-presidente che hanno risposto (Sergio Bolzonello per il centrosinistra, Sergio Cecotti per il Patto per l'Autonomia e Alessandro Fraleoni Morgera per il M5s, mentre non ha fornito alcun riscontro Massimiliano Fedriga per il centrodestra) riguarda proprio il rafforzamento delle competenze regionali in materia di tutela delle minoranze  e di promozione  delle  loro lingue, l'attribuzione alla Regione di competenze e risorse nel campo dell'istruzione, la certificazione e la valorizzazione delle competenze dei docenti di friulano, la formazione nelle lingue minoritarie per i dipendenti della pubblica amministrazione e la competenza linguistica in friulano, sloveno e tedesco quanto meno come requisito accessorio per l'accesso all'impiego pubblico.

I tre sono sostanzialmente d'accordo anche sulla possibilità di disporre della carta d'identità bilingue italiano/friulano mentre le loro posizioni divergono sulla necessità di disporre di una struttura di programmazione Rai autonoma per il friulano: su questo punto Bolzonello appare piuttosto timido, Fraleoni Morgera invoca parità di diritto e di trattamento per tutte le minoranze e Cecotti condivide concretamente la proposta formulata nel documento, sottolineando le inadempienze del governo statale in questo ambito («una Regione seria - scrive - lo avrebbe già portato in tribunale»).

Su scuola e politica linguistica si possono cogliere significative differenze, legate soprattutto a diversi livelli di competenza ed attenzione.





 Allegati:
.............................
 
 La redazione del Blog nel ringraziare il Comitato 482 per la sua iniziativa, concorda con l'analisi espressa nel Comunicato stampa del Comitato 482.
 
Dicono, secondo noi sbagliando,  che noi friulani non siamo spiritosi ed ironici. Non è vero, anzi.
 
Dal profilo facebook  satirico "Patto matto" riportiamo questo splendido fotomontaggio satirico che smentisce chi vorrebbe i friulani solamente "grandi lavoratori". Complimenti a chi ha composto il fotomontaggio.

Dall'album "Lezioni di Friulano" di "Patto Matto":
 
 
LA REDAZIONE DEL BLOG
 
 

domenica 22 aprile 2018

ELEZIONI REGIONALI - MINORANZE LINGUISTICHE: CONFERENZA STAMPA IL 24 APRILE ALLE ORE 11.30 A UDINE


RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO

Elezioni regionali / minoranze linguistiche.

Conferenza stampa

il 24 aprile alle 11.30 a Udine

presso il

Salone di Palazzo Mantica

della Società Filologica Friulana

in Via Manin 18

Invito a partecipare

Nell'occasione saranno illustrati contenuti delle risposte dei candidati alla Presidenza della Regione e degli esponenti delle liste che li sostengono ai quali è stato sottoposto il  documento di sintesi contenente diverse richieste/proposte operative in merito alle politiche linguistiche e alla tutela delle minoranze.

Alla conferenza stampa sono stati invitati gli stessi candidati

Il Comitât / Odbor / Komitaat / Comitato 482 – che aggrega oltre una ventina di realtà espressione delle comunità friulana, slovena e germanica della nostra regione – ha deciso di sostenere l’iniziativa sviluppata dai coordinatori dei quattro gruppi di lavoro e ha sottoposto il documento all'attenzione dei candidati alla Presidenza della Regione e delle liste che ne appoggiano la candidatura, chiedendo loro di esprimersi al riguardo.

............

Documento presentato

ai candidati Presidente

 
LA LINGUA FRIULANA E LE LINGUE STORICHE DELLA REGIONE:

PER LA DIFESA DELL’AUTONOMIA E SPECIALITA’, PER LA DEMOCRAZIA, PER IL PROGRESSO

1. IL PERCHE’ DI QUESTA INIZIATIVA

Le riflessioni che sono state svolte durante la Conferenza regionale di verifica e proposta sulla lingua friulana, lo scorso mese di Dicembre, ci spingono a rivolgere queste considerazioni alle liste elettorali e ai candidati alla Presidenza della Regione, domandando una risposta in proposito, con l’intento di:

a) offrire ai cittadini la possibilità di conoscere il pensiero dei candidati su un aspetto molto importante della vita politica, vale a dire la pluralità delle lingue storiche della Regione: friulano, sloveno e tedesco;

b) porre la questione delle lingue storiche della Regione, come è giusto, al centro del dibattito pubblico, non solo elettorale;
 
c) sostenere che la presenza assai consistente di lingue diverse dall’italiana è il motivo fondamentale dell’autonomia e specialità della Regione e la loro valorizzazione il mezzo migliore per difenderla da attacchi che arrivano da più parti;

d) dimostrare che la possibilità di usarle in ogni situazione comunicativa, in una cornice plurilingue, è un elemento indiscutibile per una vera e concreta democrazia e per la coesione sociale; mostrare che in tutte le situazioni dove si è avviata una seria e democratica politica linguistica, questa ha messo all’opera saperi, competenze e processi di innovazione che hanno migliorato la situazione economica nel suo complesso.

In coerenza con questo ragionamento sottoponiamo ai candidati queste considerazioni in maniera puntuale e in maniera puntuale domandiamo loro una risposta.
 

2. CORNICE E STRUMENTI DELLA E PER LA POLITICA LINGUISTICA

2.1 Rafforzare le azioni per la lingua con norme di attuazione dello Statuto

Per ciò che riguarda la normativa, a seguito delle indicazioni proposte anche dalla Corte Costituzionale, necessita un intervento nel campo della norme di attuazione dello Statuto speciale di autonomia della Regione, in cui sarebbe necessario un aggiornamento e un rafforzamento delle previsioni che toccano l’azione amministrativa della Regione in materia di tutela delle minoranze linguistiche e della promozione delle loro lingue.

2.2 Coordinamento delle politiche in favore delle lingue storiche sotto la Presidenza della Regione

Una politica attiva della Regione in favore delle sue lingue storiche costituisce non una specifica funzione ma un principio valido per tutti gli assessorati e per tutti gli uffici regionali, dunque la figura che deve sovraintendere e coordinare questo principio è quella della Presidenza della Regione, superando la divisione di competenze in più assessorati e uffici. Questo permetterebbe anche un coordinamento più stretto con le altre regioni a statuto speciale che fondano la loro autonomia sulla presenza di lingue diverse dall’italiano.

2.3 ARLeF operativo con personale stabile

Nel caso specifico del friulano si deve recuperare in pieno la visione originaria dell’ARLeF come organismo di politica linguistica, accrescendo il suo potenziale scientifico con personale apposito stabile.

2.4 Formare e acquisire personale preparato con competenze specifiche

Vi è la necessità di dotare la struttura regionale di figure che abbiano competenze sul friulano che qualche volta non esistono nell’organigramma regionale. La efficacia delle politiche si basa sulla valorizzazione delle competenze del personale già in servizio ma si deve pensare a nuove figure preparate e con certificazioni sulle loro competenze linguistiche sia in Regione sia nel sistema delle autonomie.

2.5 Generalizzare i piani speciali di politica linguistica e le azioni di promozione della lingua

E’ stato approvato il Piano Generale di Politica Linguistica, lo strumento di programmazione strategica sui temi dell’identità e della lingua friulana, ma la Regione deve promuoverlo e farlo conoscere a tutto il sistema delle autonomie e ai concessionari di servizi pubblici, insistendo perché adottino i loro Piani Speciali, dando prima di tutto il buon esempio redigendo il suo. Necessitano anche campagne di promozione del friulano e del plurilinguismo in genere indirizzate a tutta la popolazione.

2.6 Strumenti per la conoscenza sociolinguistica e della documentazione della produzione in friulano

Una politica linguistica seria si basa su una conoscenza della situazione sociolinguistica che dia indicazioni su quali siano gli elementi forti e quelli deboli nella politica di tutela, in modo di valorizzare quelli e correggere gli altri. Dunque sondaggi periodici sono necessari per indirizzare la politica linguistica in favore del friulano. Allo stesso modo necessita uno strumento di documentazione generale su cosa (libri, periodici, risorse elettroniche, etc.) viene prodotto in friulano che lo faccia conoscere e lo valorizzi.

3. ISTRUZIONE E FORMAZIONE PLURILINGUE 

3.1 Trasferire risorse e competenze sulla istruzione alla Regione

Avviare il percorso atto a trasferire alla Regione Autonoma Friuli - Venezia Giulia le funzioni e le competenze in materia di istruzione, tenendo conto della pluralità linguistica riconosciuta e della sua collocazione geografica di confine, da intendersi come opportunità di sviluppo di importanti sinergie con gli stati europei. Le attribuzioni delle amministrazioni dello Stato in materia di istruzione devono essere esercitate nell’ambito del proprio territorio dalla Regione Autonoma Friuli -Venezia Giulia, comprese le funzioni in materia di stato giuridico ed economico del personale docente, educativo, dirigenziale e ispettivo delle scuole di ogni ordine e grado della Regione.

3.2 Formazione iniziale e in servizio dei docenti di friulano

Potenziare, attraverso seri percorsi universitari, la formazione iniziale e in servizio dei docenti di friulano in un contesto plurilingue.

3.3 Certificazione delle competenze dei docenti

Promuovere la certificazione delle competenze dei docenti di friulano tenendo conto delle competenze formali, non formali e informali.

3.4 Insegnamento del friulano in tutti i cicli di istruzione in una cornice plurilingue

Estendere l'insegnamento del friulano a tutti i cicli di istruzione e introdurre un autentico plurilinguismo.

3.5 Regia regionale seria sulla scuola plurilingue coinvolgendo la società

Costituire una seria regia regionale sul friulano e le lingue minoritarie con l'obiettivo di:
curare la comunicazione con tutti i portatori di interesse, il monitoraggio delle azioni, l'organizzazione curricolare, la valutazione, la progettualità europea.

4. USO PUBBLICO DELLA LINGUA FRIULANA

Nel campo dell’uso pubblico della lingua friulana si domanda che si applichi in maniera coerente, organica e consapevole, la normativa statale e regionale di tutela. In particolare vengono presentate queste proposte:

4.1 Competenze in lingua friulana, slovena e tedesca come requisiti accessori per la selezione del personale pubblico

Si devono considerare le competenze nelle lingue friulana, slovena e tedesca almeno come requisito accessorio per la selezione del personale nel settore pubblico e in particolare nella amministrazione regionale e negli enti locali, dove la Regione può intervenire in maniera diretta in forza dell’articolo 4 del suo Statuto in vigore. Questa è una azione che dà valore concreto alle lingue “altre” della Regione, alla loro conoscenza e al loro uso e che permette di estenderne la presenza nell’amministrazione e nei servizi, in favore della crescita di qualità, di efficacia e di democraticità dell’attività amministrativa e dei servizi.

4.2 Formazione linguistica per il personale

La formazione linguistica per il personale deve essere inserita nell’offerta formativa per i dipendenti degli enti pubblici, dei servizi sanitari e delle società concessionarie di servizio pubblico, con la stessa dignità degli altri corsi di aggiornamento professionale.

4.3 Carta di identità bilingue anche in friulano

Si deve trovare risposta positiva e unitaria alla domanda di avere la carta di identità bilingue (italiano/friulano) presentata da molti cittadini, soprattutto negli ultimi anni.

5. MEZZI DI INFORMAZIONE

I mezzi di informazione rappresentano uno strumento fondamentale per la promozione e lo sviluppo delle lingue minorizzate. Siamo molto lontani dal vedere riconosciuto il diritto di avere trasmissioni radiotelevisive in lingua friulana nel servizio pubblico radiotelevisivo, che trova il suo fondamento nella L. 482/99.

5.1 Premere sul governo italiano per una convenzione con la RAI più favorevole

Siamo in attesa della approvazione della convenzione, tra Presidenza del Consiglio dei Ministri e Rai nel quadro del nuovo contratto di servizio tra Ministero dello sviluppo economico e Rai che dovrebbe garantire la programmazione radiofonica attuale (90 ore) e , per la prima volta, prevedere trasmissioni televisive in friulano (90 ore). Occorre una pressione forte e convinta sul nuovo Governo italiano.

5.2 Puntare a una struttura di programmazione RAI autonoma in friulano

I programmi attuali della Rai sono governati da una struttura per la programmazione italiana. Sarebbe ottimale costruire una struttura adeguata dal punto di vista tecnologico e degli spazi, permanente, dedicata alla programmazione in lingua friulana, con personale formato e stabilizzato e con sede a Udine, che potrebbe diventare anche un centro di riferimento e di produzione per altre lingue minorizzate.

5.3 Sostenere con forza i privati che producono o progettano nel campo dell’informazione in friulano

Ai mezzi di informazione privati, che nel campo dell’informazione radiofonica svolgono da anni una supplenza alle mancanze del servizio pubblico, ai produttori audiovideo che da anni investono nel settore, a quelli che vorrebbero impegnarsi nell’informazione su stampa o in rete si deve fornire una risposta in termini di adeguati finanziamenti per il loro servizio, reale o potenziale, di utilità pubblica.

 
Come sopra scritto questi sono punti, che non esauriscono tutto il panorama di bisogni della lingua friulana ma sono fondamentali per il suo sviluppo, che domandano, uno ad uno, una risposta in proposito.
 

..........................
 
Informazioni per i media: Marco Stolfo