lunedì 1 ottobre 2012

LENGHE FURLANE: CJARTE DI IDENTITÂT BILENGÂL




LENGHE FURLANE
CJARTE DI IDENTITÂT
BILENGÂL

La domandin al sotsegretari Ruperto 47 rapresentants del mont culturâl e dal associazionisim furlan.
----------
Dal setemanâl
LA VITA CATTOLICA – Ud
Joibe il 20 di Setembar 2012

CJARTE DI IDENTITÂL BILENGÂL
di
Oscar Puntel

La letare ae volte di Rome e je stade mandade ai 14 di Setembar. Destinatari il sotsegretari al Interni cun deleghis ae imigrazion, al asîl e aes minorancis linguistichis, Saverio Ruperto. «I sotscrits - si lei tal document - a domandin che, tal rispiet dal articul 6 de Costituzion de Republiche e tal rispiet di ce che al è prescrit de leç 482 dal 1999, dutis lis cjartis di identitàt des zonis dulà che si cjatin minorancis linguistichis storichis ricognossudis dal art.  2 di che leç a sedin bilengâls».
Sot lis firmis di 47 personalitâts, rapresentants dal mont culturâl e dal associazionisim furlan des provinciis di Udin, Gurize e Pordenon.
La prime e je che de professore e ex parlamentar Silvana Schiavi Fachin, che pe ocasion e je stade delegade a tratâ cul Ministeri dal Interni su la cuistion.
E ancje, fra i altris: Carli Pup, puartevôs dal Comitàt 482; Gianfranco D'Aronco, president dal Comitât pe autonomie e il rilanç dal Friûl; William Cisilino, diretôr dal Arlef; Zuan Pieri Biasat, dean di Glesie Furlane.
La iniziative e partìs daspò l'anunci dal Guvier talian, dentri tal cjalderon de «spending review», su la emission des prossimis, gnovis cjartis di identitât, che a scugnaran jessi «eletronichis».
«E a chest dispositîf di nature economiche - e spieghe Silvana Schiavi Fachin - si lee ancje par vie de diferenziazion che e je stade fate tra lenghis pupiladis su la poie di tratâts internazionâi e chês leadis a minorancis storichis, che stant a chel proviodiment no varessin nissun dirit. Inalore, no si pues lâ cuintri une leç dal Stât talian come la 482 cuntune misure aministrative. La leç, tal câs, si cambie cu la leç. E fintremai che la 482 e je in vore, lis 12 minorancis presintis tal articul 2 a àn i stes dirits di chês altris».
Il Ministeri dal Interni al a ricognost, cun decret dai 12 di Dicembar dal 2011, la pussibilitât di vê il document bilengâl, al moment, dome a cuatri realtâts: francese, todescje, ladine e slovene.
«Par analogjie, al è just che lis vedin ancje i furlans e dutis chês altris minorancis linguistichis storichis. Pe prime volte o vin un sotsegretari che al a une deleghe specifiche. Cheste nestre letare le mandìn a Ruperto, om che al è stât plui voltis achì, al a vût rapuarts cui slovens, mai cui furlans. Cheste e je la volte buine par fânus cognossi e fa presinte la nestre situazion», e zonte la professore.
Al va dite che l'operazion e sarès a cost zero pal Stât talian . «E se ancje no fos cussi - e sclarìs Schiavi Fachin - a saressin fufignis, stupidagjinis di spesis !».
La iniziative e partìs dal Friûl a non e a prò di dutis chês altris comunitâts. Ma al è dome un prin pas. «Cheste nestre domande cumò le pandarìn ancje a chês altris minorancis, e lis invidarìn a sburtâ cun nô soredut culì dai nestris rapresentants tes istituzions. Cumò bisugne fâsi scoltâ, e je ore di finîle cu la sotanance».
Un invît che Silvana Schiavi Fachin e fâs a ducj i furlans: «La politiche no si fâs plui tes sezions di partît, ma si fevele di sburtâ dal bas viers l'alt. La int e à i mieçs par fâ sintî la sô vôs. O domandìn ai furlans di judânus e sostignînus in cheste bataie. La lôr poie e je fondamentâl».

oscar puntel
--------------

E ca sot l'articul su la interogazion fate dal Conseîr regjonâl Paolo Menis (Pd), al Assessôr regjonâl Elio De Anna, il 27 di Setembar passât.

UDINE (27 settembre, ore 16.45)
«Visto che le carte d’identità devono comunque essere rifatte, tanto vale rispettare la legge, che prevede che tutte le minoranze linguistiche siano trattate con pari dignità».
È la posizione del democratico Paolo Menis che oggi ha presentato un’interrogazione sulla possibilità di prevedere la versione bilingue del documento elettronico – progetto che il Governo Monti ha recentemente dichiarato di voler portare a compimento – che a breve potrebbe arrivare anche in Friuli-Venezia Giulia.
Una opportunità, quella della carta d’identità in due lingue, che non prevederebbe costi aggiuntivi nel momento in cui venisse realizzata su supporto digitale e che, a livello cartaceo, è già realtà, anche se solo per la minoranza slovena.
«Un recente decreto ministeriale – si legge nell’interrogazione del democratico – ha esteso questa possibilità anche alla minoranza francese, tedesca e ladina, lasciando fuori, inspiegabilmente, oltre al friulano anche altre otto lingue tutelate dalla legge nazionale di settore, la 482 del 1999». «Una norma – ricorda Menis – nata oltre un decennio fa per dare attuazione all'articolo 6 della Costituzione il cui compito è, appunto, la tutela delle minoranze». (...)

Lei dut l’articul
sul sît internet
del setemanâl “La Vita Cattolica”

1 commento:

  1. MENIS: Carta d’identità bilingue, perchè alcuni si e altri no?

    INTERROGAZIONE A RISPOSTA IMMEDIATA

    Oggetto: CARTA D’IDENTITA’ BILINGUE, PERCHE’ ALCUNI SI E ALTRI NO?

    Il sottoscritto Consigliere regionale

    Considerato

    - che recentemente è stata ribadita dal Governo la volontà di portare a compimento il progetto della realizzazione della CIE (carta d’identità elettronica);

    - che in tale occasione sono riemerse nella nostra Regione le legittime istanze da parte delle minoranze linguistiche affinché tale documento sia realizzato in modalità bilingue;

    Preso atto

    - che, ai sensi degli articolo 3 e 6 della Costituzione, la legge 482/99 riconosce le minoranze linguistiche storiche di cui tutela lingua e cultura ma solo per quattro si è provveduto alla stampa di carte di identità bilingui;

    Ritenuto

    - che tale situazione configuri un’inaccettabile discriminazione fra le minoranze linguistiche del FVG;

    - che tra le minoranze linguistiche più a rischio rientri il friulano perché, come confermano le recenti norme in tema di spending review, si sta affermando l’assurda idea di considerare degne di tutela solo le minoranze di “lingua madre straniera”;

    interroga

    il Presidente della Regione per sapere

    1. se non ritenga opportuno intervenire affinché il diritto ad ottenere la carta d’identità bilingue sia riconosciuto a tutte le minoranze linguistiche presenti in Regione, compreso il friulano

    PAOLO MENIS

    Trieste, 24 settembre 2012

    ---------------------

    Dal sito internet del Gruppo consiliare del Pd - FVG

    http://www.gruppopd.fvg.it/documento-singolo.php?id=1281

    RispondiElimina